7 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.24
Agrigento

Dal 20 al 22 settembre

A Raffadali rombano i motori per Il Fastuca Fest 2019 | IL PROGRAMMA

19 Settembre 2019

Come ogni anno non possiamo mancare a un appuntamento che ci porta nell’agrigentino e, precisamente, alla 5° Festa del Pistacchio di Raffadali, Il Fastuca Fest 2019, dal 20 al 22 settembre, in quel territorio che, assieme a quello di Bronte, è una miniera di giacimenti “preziosi” di color verde.

Fastucafest

Il Pistacchio tra storia, letteratura e curiosità
Questo albero, già conosciuto dai greci e dai romani, è entrato a far parte delle coltivazioni agricole in Sicilia solo grazie agli arabi che scoprirono che la pianta sul territorio cresceva spontaneamente. La storia del pistacchio di Raffadali si intreccia con quella del duca Giovanni Antonio Colonna, allora ministro delle poste e telecomunicazioni, botanico per passione, che fece aggiungere centinaia di piante di pistacchio, alle floride piantagioni già esistenti nei suoi territori di Raffadali e nei comuni limitrofi di Contrada Cinti, da cui si ottenevano dolci che venivano portati a Palermo per allietare le serate della nobiltà.

Già nel 1942 il celebre botanico Bonifacio nella sua monografia sul pistacchio scriveva che “…..presso Raffadali esistono 3 esemplari giganteschi e bellissimi di pistacchio visitate come rarità botaniche e capaci di produrre circa 200 kg di frutti ciascuno”.

Nel romanzo “Blues di mezz’autunno” dello scrittore Santo Piazzese, si racconta che il Pistacchio di Raffadali veniva servito con tartine di pasta sfoglia e mousse salate, presso il bar Edelweiss.

Ne il “Il corvo di pietra” di Marco Steiner, viene indicato come un elemento imprescindibile della ricetta dei cannoli.

Nel romanzo “La Banda Sacco” di Camilleri, vengono raccontate le vicende di una umile famiglia raffadalese che riesce ad emergere grazie all’abilità del capofamiglia nella coltivazione, innesto e potatura della pianta del pistacchio.

Nel libro sulle Orme del Pistacchio, grandi riconoscimenti sono stati dati ai trasformatori del pistacchio di Raffadali definiti veri “Maestri” pasticceri.

Durante i lavori del Congresso Nazionale del pistacchio del 1987, Raffadali è stata definita la piazza principale del mercato e del commercio della tignosella (così viene chiamato in gergo il frutto non sgusciato).

L’associazione Pistacchio di Raffadali, nasce nel 2016, quando un cospicuo numero di produttori, di 12 comuni della provincia di Agrigento, decide di migliorare, valorizzare e tutelare un prodotto unico, rendendolo il fiore all’occhiello della provincia di Agrigento.

Usi del Pistacchio di Raffadali 
Il pistacchio di Raffadali, particolarmente pregiato e ricercato per il suo sapore aromatico e gradevole, viene usato sia in pasticceria per torte, paste, gelati e creme, sia per aromatizzare e insaporire molte pietanze salate e, infatti, la fama delle pennette al pistacchio ha fatto il giro della Sicilia, così come quella della pasta fresca fatta in casa con la farina di pistacchio e della salsiccia, naturalmente, al pistacchio. Inoltre, l’olio estratto dal frutto viene utilizzato in dermatologia per le sue grandi proprietà emollienti.

FastucafestIl Fastuca Fest
Il Fastuca Fest è un importante vetrina delle eccellenze, una tre giorni all’insegna della genuinità e del gusto, dell’arte e della cultura a 360°. Ci saranno spazi espositivi dedicati ai produttori, ai trasformatori e alla cucina, show cooking grazie a cui vivrete una indimenticabile esperienza sensoriale, in un tour che sarà un crescendo di sapori che vi stupirà e vi soddisferà. Un percorso del gusto con tane leccornie, tra cui: Gelato al pistacchio, Porchetta al pistacchio, Arancina dolce e salata al pistacchio, Hamburger al pistacchio, Panettone dolce e salato, Panino con milza maritata, Pizza crunch suprema, Bratwurst al pistacchio, Panino fastuchello, Vini di produzione artigianale, Birra alla spina, Bibite di Sicilia.

Ma perché si chiama Fastuca Fest? Perché Fastuca, dall’arabo fustuqa, è il nome del pistacchio in italiano che, a sua volta, deriva dal greco pistachion.

PROGRAMMA

VENERDÌ 20 SETTEMBRE

Alle 18:30
Esibizione del coro e delle Majorettes dell’IC Garibaldi-Capuana di Raffadali

Taglio della maxi torta del pastry chef Giovanni Mangione – (l’incasso sarà devoluto totalmente all’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro)

Apertura del Percorso del Gusto

Alle 20
“La terrazza degli Dei”: Cooking show a cura di Villa Athena. Dalla Valle dei Templi al Fastucafest è un attimo, così la terrazza degli Dei si concede ai palati più esigenti, ai più curiosi dei sapori nostrani, con piatti unici, che hanno per protagonista il nostro sublime pistacchio e lo sposalizio con il superbo Adenzia del Baglio del Cristo di Campobello

Alle 21:30
Live Music, Trio acustico Claudia & Salvo con Federico Gucciardo

SABATO 21 SETTEMBRE

Alle 10
Piazza della Salute: Screening e controlli con medici e professionisti per i cittadini

Alle 12
Apertura stand Percorso del gusto

Alle 13
Cooking show del CIFA -UPI “Pizza qualità siciliana e pistacchio di Raffadali”.
Ami la pizza? Allora Sabato, a pranzo, non puoi mancare al cooking show presidiato dagli Chef Pizzaioli del CIFA Unione Pizzaioli Italiani, ti aspettano tre speciali pizze che profumano di sicilianità, preparate con ingredienti freschissimi e locali, tre ricette appetitose, sublimate dal nostro Pistacchio e buona birra artigianale.

Alle 17
Convegno – “Frutta secca: una fonte di ben-essere” – sala ex biblioteca comunale

Alle 19
Degustazione guidata di Vini e piatti gourmet al pistacchio di Raffadali a cura dell’Enologo Gianni Giardina in collaborazione con Citrus cocktail club

Alle 20:30
Cooking show a cura della Brigata Mandrarossa con la partecipazione di Ivan Bacchi, noto conduttore televisivo, attore, affascinante e simpaticissimo, un evento itinerante, che sa unire i piacere della vita, tra piatti golosi, beverage con vini di alta qualità delle cantine Mandrarossa.

Alle 21:30
Live Music: Concerto dei Sikania

DOMENICA 22 SETTEMBRE

Alle 10
Piazza della Salute: Mini Olimpiadi del Fastucafest – Attività sportive per bambini

Alle 11
Convegno sulla filiera della frutta secca – sala ex biblioteca comunale

Alle 12
Apertura stand Percorso del gusto

Alle 13
Cooking show a cura de “Il Moro” di Monza. La Domenica vi aspettiamo a pranzo e a cena, con due cooking show imperdibili:
A pranzo direttamente dal noto ristorante Moro di Monza i fratelli Butticé delizieranno i palati dei più golosi, in compagnia dei vini dell’azienda agricola Vella.

Alle 18
Proiezione del video “Ustica gli anni del diamante” a seguire degustazione di lenticchie di Ustica e Pistacchio di Raffadali a cura de “Il Moro” di Monza

Alle 20:30

Cooking show a cura dello Chef stellato Natale Giunta, ospite d’eccezione, che ricorderete per la sua presenza fissa alla prova del cuoco su Rai 1. Ad accompagnare i suoi piatti prelibati il vellutato nero d’avola della cantina vinicola Quignones.

Alle 21:30
Live Music: Concerto di Calandretti

Durante la festa sarà possibile visitare la mostra fotografica “il Pistacchio di Raffadali” a cura di Mimmo Cassaro e Andreana Iacono presso la sala convegni ex biblioteca.

E che il Fastuca Fest 2019 abbia inizio.

[La bellissima foto in bianco e nero è tratta dal sito www.pistacchiodiraffadali.com]

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.