A Rosolini per la Sagra dell'arancino, specialità della nostra tradizione | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Siracusa

dal 13 al 18 agosto

A Rosolini per la Sagra dell’arancino, specialità della nostra tradizione | IL PROGRAMMA

di
12 Agosto 2019

Il profumo dell’arancino, gustosa specialità sicula, ci guida prepotentemente verso Rosolini, città in provincia di Siracusa, che lo celebra, dal 13 al 18 agosto, con una festosa Sagra, giunta alla sua nona edizione.

Sagra dell'Arancino RosoliniQuesto appuntamento, uno dei più attesi dell’estate, di anno in anno richiama sempre più visitatori buongustai che vi giungono per degustare queste bontà e altri prodotti tipici locali.

Immaginatevi in un regno culinario della fantasia in cui, improvvisamente, vi appariranno le più belle arance mai viste che, cadendo, riveleranno la loro vera natura, quella di pallottole di riso appese sui rami di golosissimi alberi, pronte per essere colte. Un sogno ad occhi, anzi a bocca aperti, che, organizzato dall’associazione “Eventi Sicilia”, oltre a degustazioni e stand espositivi, avrà importanti momenti di musica, folclore e spettacoli di cabaret.

Per fare qualche nome: Lello Analfino & Tinturia, Cristiano Malgioglio, Matranga e Minafò, Mario Incudine, Paolo Meneguzzi e tanti altri.

Sagra dell'ArancinoIn questa occasione, inoltre, potrete visitare Rosolini, borgo feudale, il cui nome latino “Rus Elinorun”, indicava il territorio di Eloro, antica colonia siracusana del sec. VII a.C.. Riconosciuta come “Città del Carrubo”, la sua origine si fa risalire alla metà del XV secolo in seguito al matrimonio tra Antonio Platamone e Margherita De Podio, che gli portò in dote il feudo Cugni d’Incumbao, più conosciuto come Li Salini.

Rosolini ha un importante sito archeologico che si trova nella zona rurale di Rosolini detta Stafenna, affascinante complesso di ipogei paleocristiani, e un tratto di macchia mediterranea situato all’interno di Cava Pirainito, attraversato da un piccolo torrente che lungo il percorso crea delle spettacolari cascate. Adesso scendiamo nei dettagli del programma.

 

IL PROGRAMMA

Lunedì 12 agosto

Alle 22: Piazza Garibaldi, Conferenza Stampa 9^ Sagra dell’Arancino; Intrattenimento musicale, degustazione cannolo siciliano e moscato.

Martedì 13 agosto

Sagra dell'Arancino RosoliniAlle 18: Piazza Giovanni Paolo II, Apertura Stand; Esibizione scuole di ballo e gruppi musicali;

Alle 22: 400METERS – Matranga e Minafò.

Mercoledì 14 agosto

Alle 18: Piazza Giovanni Paolo II, Apertura Stand; Esibizione scuole di ballo e gruppi musicali;

Alle 22: Selezioni Miss Italia & Mister Italia;

Cristiano Malgioglio.

Giovedì 15 agosto

Alle 18: Piazza Giovanni Paolo II, Apertura Stand; Esibizione scuole di ballo e gruppi musicali;

Alle 22: Lello Analfino & Tinturia.

Venerdì 16 agosto

Alle 18: Piazza Giovanni Paolo II, Apertura Stand; Esibizione scuole di ballo e gruppi musicali;

Alle 22: Mario Incudine

Sabato 17 agosto

Alle 18: Piazza Giovanni Paolo II, Apertura Stand; Esibizione scuole di ballo e gruppi musicali;

Alle 22: I Respinti e Gianni Lattore.

Domenica 18 agosto

Alle 18: Piazza Giovanni Paolo II, Apertura Stand; Esibizione scuole di ballo e gruppi musicali;

Alle 22: Carlo Kaneba e Antonella Cirrone; Paolo Meneguzzi Tour 20 Estate.

 

Buona Sagra dell’Arancino a tutti.

 

 

[Foto tratte dalla Pagina Facebook della Sagra dell’Arancino]
© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.