A Salemi la XV edizione de "La Sagra della Busiata" :ilSicilia.it
Trapani

Il 10 e l'11 agosto

A Salemi la XV edizione de “La Sagra della Busiata”

di
7 Agosto 2019

Altro giro, altra tappa che ci vede diretti a Salemi (TP) dove, il 10 e l’11 agosto, si svolge la XV edizione “Sagra della Busiata”. Com’è nostra abitudine, prima di assaporare questo straordinario cibo della tradizione, penetriamo tra le pieghe di uno dei Borghi più Belli D’Italia.

Salemi

Adagiato nel cuore della Valle del Belice, sulle pendici del Monte delle Rose tra il fiume Mazzaro e il fiume Grande, posto sul sito dell’antica città elima di Halyciae, di impianto arabo-medievale, ubicato tra colline coltivate a vigneti e uliveti, si raccoglie intorno al castello dal cui terrazzo merlato della torre circolare è possibile scorgere un vastissimo panorama sulla Sicilia occidentale fino al mare. Sotto l’egida degli arabi sembra avere avuto origine il nome Salemi. Diverse le teorie sull’origine del nome: una la lega a “Saleiman”, figlio del comandante che conquistò Alicia; un’altra a “Sale”, per la presenza del fiume Salso che rende le acque che attraversano la città salmastre; un’altra ancora a “Salam”, città salubre e sicura e, infine, a “Salem”, pace. Sotto il profilo agricolo, gli arabi introdussero molte nuove coltivazioni nelle campagne circostanti: arance, limoni, pesche, albicocche, asparagi, carciofi, cotone, melanzane e spezie come lo zafferano, il garofano e la cannella.

Salemi

La Sagra della Busiata
Tra le vie del borgo, in Piazza Alicia, in cui è situato il Castello Arabo Normanno e l’Ex Chiesa Madre, godrete di uno spettacolo di folklore internazionale che, coinvolgendo gruppi provenienti da diverse parti del mondo, Colombia, Montenegro, Nepal, Serbia, Italia, organizzato dall’Associazione Sicilia Bedda, con il patrocinio del Comune di Salemi, è dedicato quest’anno ad Alberto Favara, farà da festoso contorno alla XV edizione “Sagra della Busiata”, il tradizionale appuntamento enogastronomico che richiama ogni anno migliaia di visitatori provenienti da tutta la Sicilia. Degusterete questo particolare tipo di pasta lavorata a mano, ne verranno cucinate più di 600 chili al giorno, raggiungendo quasi i 2000 Kg in totale, secondo l’estro dei cuochi in gara, innaffiata con i vini delle aziende locali. Durante l’evento potrete visitare, inoltre, i beni monumentali della città, le chiese ed i musei d’arte Sacra, del Risorgimento, della Mafia e il museo Civico.

Le busiate debbono il loro nome alla cosiddetta busa, il ferro da calza utilizzato dalle massaie per realizzarle. In origine si trattava di una sorta di sottile canna ricavata dagli steli della ddisa (termine dialettale) l’ampelodesmo, una pianta perenne spontanea della famiglia delle graminacee, presente nei terreni incolti e aridi delle nostre campagne. In seguito la busa vegetale fu sostituita dagli attrezzi metallici che utilizzano le donne per tessere maglioni e realizzare lavoretti a maglia. Uno strumento tessile convertito alla gastronomia che si riesce a produrre un originalissimo tipo di pasta, la cui caratteristica principale è la callosità e la permeabilità al tempo stesso al sugo che la condisce, elementi questi che la rendono unica ed inimitabile. La busa serve infatti a dare alla pasta la caratteristica forma concava che produce un duplice effetto: facilitarne la cottura, mantenendo una gradevole consistenza, e essere tutta avvolta dal condimento. In origine a Salemi il condimento principe era il ragù di carne di castrato o, in alternativa, di maiale, oggi anche la salsa marinara.

Per un weekend gustoso, Salemi vi aspetta.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.