A Salemi la XV edizione de "La Sagra della Busiata" :ilSicilia.it
Trapani

Il 10 e l'11 agosto

A Salemi la XV edizione de “La Sagra della Busiata”

7 Agosto 2019

Altro giro, altra tappa che ci vede diretti a Salemi (TP) dove, il 10 e l’11 agosto, si svolge la XV edizione “Sagra della Busiata”. Com’è nostra abitudine, prima di assaporare questo straordinario cibo della tradizione, penetriamo tra le pieghe di uno dei Borghi più Belli D’Italia.

Salemi

Adagiato nel cuore della Valle del Belice, sulle pendici del Monte delle Rose tra il fiume Mazzaro e il fiume Grande, posto sul sito dell’antica città elima di Halyciae, di impianto arabo-medievale, ubicato tra colline coltivate a vigneti e uliveti, si raccoglie intorno al castello dal cui terrazzo merlato della torre circolare è possibile scorgere un vastissimo panorama sulla Sicilia occidentale fino al mare. Sotto l’egida degli arabi sembra avere avuto origine il nome Salemi. Diverse le teorie sull’origine del nome: una la lega a “Saleiman”, figlio del comandante che conquistò Alicia; un’altra a “Sale”, per la presenza del fiume Salso che rende le acque che attraversano la città salmastre; un’altra ancora a “Salam”, città salubre e sicura e, infine, a “Salem”, pace. Sotto il profilo agricolo, gli arabi introdussero molte nuove coltivazioni nelle campagne circostanti: arance, limoni, pesche, albicocche, asparagi, carciofi, cotone, melanzane e spezie come lo zafferano, il garofano e la cannella.

Salemi

La Sagra della Busiata
Tra le vie del borgo, in Piazza Alicia, in cui è situato il Castello Arabo Normanno e l’Ex Chiesa Madre, godrete di uno spettacolo di folklore internazionale che, coinvolgendo gruppi provenienti da diverse parti del mondo, Colombia, Montenegro, Nepal, Serbia, Italia, organizzato dall’Associazione Sicilia Bedda, con il patrocinio del Comune di Salemi, è dedicato quest’anno ad Alberto Favara, farà da festoso contorno alla XV edizione “Sagra della Busiata”, il tradizionale appuntamento enogastronomico che richiama ogni anno migliaia di visitatori provenienti da tutta la Sicilia. Degusterete questo particolare tipo di pasta lavorata a mano, ne verranno cucinate più di 600 chili al giorno, raggiungendo quasi i 2000 Kg in totale, secondo l’estro dei cuochi in gara, innaffiata con i vini delle aziende locali. Durante l’evento potrete visitare, inoltre, i beni monumentali della città, le chiese ed i musei d’arte Sacra, del Risorgimento, della Mafia e il museo Civico.

Le busiate debbono il loro nome alla cosiddetta busa, il ferro da calza utilizzato dalle massaie per realizzarle. In origine si trattava di una sorta di sottile canna ricavata dagli steli della ddisa (termine dialettale) l’ampelodesmo, una pianta perenne spontanea della famiglia delle graminacee, presente nei terreni incolti e aridi delle nostre campagne. In seguito la busa vegetale fu sostituita dagli attrezzi metallici che utilizzano le donne per tessere maglioni e realizzare lavoretti a maglia. Uno strumento tessile convertito alla gastronomia che si riesce a produrre un originalissimo tipo di pasta, la cui caratteristica principale è la callosità e la permeabilità al tempo stesso al sugo che la condisce, elementi questi che la rendono unica ed inimitabile. La busa serve infatti a dare alla pasta la caratteristica forma concava che produce un duplice effetto: facilitarne la cottura, mantenendo una gradevole consistenza, e essere tutta avvolta dal condimento. In origine a Salemi il condimento principe era il ragù di carne di castrato o, in alternativa, di maiale, oggi anche la salsa marinara.

Per un weekend gustoso, Salemi vi aspetta.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.