A San Cataldo per la "Festa della Madonna Assunta" :ilSicilia.it
Caltanissetta

Il clou della solennità, il 15 agosto

A San Cataldo per la “Festa della Madonna Assunta”

di
13 Agosto 2019

La nostra amata Sicilia, in ogni stagione, in particolare in estate, è ricca di feste religiose, sagre del gusto, tradizioni di un passato che diventa presente, e il nostro viaggio nel suggestivo entroterra nisseno, luogo di malìa, e precisamente a San Cataldo, per la Festa della Madonna Assunta, ne è una dimostrazione.

Prima di raccontarne i festeggiamenti, che raggiungono il clou il 15 agosto, come da nostra abitudine, qualche pillola su questa cittadina che tanto ha da dirci.

San Cataldo

San Cataldo

San Cataldo era originariamente chiamato “Casale Chaliruni”, (dal greco Kalyroon che significa “Scorro bellamente”, riferito al fiume “Salito” che l’attraversa), dai Cauloni di Calabria che vi si sarebbero trasferiti. Dopo che i normanni cacciarono gli arabi, il feudo divenne proprietà dei Barresi ma, nel 1300, a causa della ribellione di Giovanni Barresi fu concesso da Federico III, re di Trinacria, a Bernardo de Siniscalco che lo divise in due baronie: Nixima e Fiume Salato. Dopo vari passaggi il 5 luglio del 1496 passò nelle mani di Antonio Salomone e da questi  alla figlia Violante de Jaen Salomone che la portò in dote, il 24 aprile del 1549, al marito Nicolò Lancellotto Galletti. Il 18 luglio 1607, il nipote di Lancellotto, Nicolò Galletti, chiese al re di Sicilia Filippo II lo “Jus Populandi et Aedificandi” che ottenne, però, suo figlio Vincenzo, nel 1621, da Filippo III, chiamando il feudo “San Cataldo“.

Festa della Madonna Assunta

San Cataldo

Adesso penetriamo nella solennità dell’Assunzione di Maria. Fin dal IV secolo la Chiesa celebra la festa della Dormizione della Vergine, ma nel 1950 Papa Pio XII definì il dogma che “l’Immacolata Vergine alla fine della sua vita terrena fu assunta in cielo in anima e corpo”. A San Cataldo, la festa dell’Assunta si celebra, annualmente, presso la Chiesa di San Francesco “Ex-Cappuccini”. La processione, nel 1957, si svolgeva con l’urna della Vergine dormiente che, col tempo, venne sostituita da una statua lignea. Questa festa, le cui origini vengono collocate intorno alla metà del Settecento, ha inizio l’ultima domenica di luglio quando, nel pomeriggio, viene esposta l’antica statua in cera della Madonna Assunta, nella forma della «dormitio Virginis», collocata nel transetto destro del Duomo di San Cataldo.

Dal 31 luglio al 14 agosto, si svolge la “Quindicina di preghiera” in onore dell’Assunta: alle 17.30, ogni giorno, è prevista nella chiesa Madre, la recita del Santo Rosario, animato da varie realtà ecclesiali, e alle 18, dopo il canto delle Litanie alla Madonna, la Santa Messa.

Il 14 agosto, la “Vigilia della solennità dell’Assunzione di Maria“, nel pomeriggio, presso la Chiesa “ex-Cappuccini”, vengono cantate le Litanie, celebrata la Messa solenne e fatto un omaggio floreale alla Madonna.

Il 15 agosto, invece, ventuno colpi di cannone e il suono festoso delle campane annunciano la Festa dell’Assunta; alle 19.30 Messa solenne in piazza Madrice e, a seguire, la processione della Madonna per le vie principali della Città, con fuochi d’artificio finali davanti la Chiesa di San Francesco.

Viva la Madonna Assunta e la Sicilia, terra ricca di spiritualità.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro