17 ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.26
caronte manchette
caronte manchette
Catania

Dal 12 al 14 ottobre

A San Cono per la Sagra del Ficodindia [Il programma]

9 ottobre 2018

La vostra Patti Holmes vi accompagna a San Cono (CT) in cui, dal 12 al 14 ottobre, si svolge la XXXIV Edizione della Sagra del Ficodindia, uno dei momenti più importanti per il paese del catanese, che ha una storia interessante che merita di essere raccontata.

STORIA
San Cono fu fondato, nel 1785, dal marchese Ottavio Trigona Bellotti, ma prende il nome da San Cono Abate, anche se il motivo di ciò non è del tutto chiaro. Secondo il Padre Gesuita Ignazio Mario Piccolo, il feudo “fu appellato Cono perché posseduto a principio dalla famiglia Santapau consanguinea del Santo“, notizia che viene riportata dallo storico Carlo Incudine, ma non vi sono documenti che avvalorino questa tesi. Riguardo Ottavio Trigona, seppur impegnato nell’amministrazione di Piazza Armerina, non trascurò mai gli interessi del feudo e vi fece costruire una sessantina di case, che accolsero persone da ogni parte della Sicilia con la promessa di un pezzo di terreno da coltivare e un tetto sicuro. Il marchese, che chiese ed ottenne la licentia populandi, poco dopo, fece costruire la Chiesa di San Cono.

LEGGENDA
A spiegare il toponimo del paese e le ragioni della sua fondazione, storicamente incerti, vi è una leggenda popolare. Si racconta che, un giorno, il Trigona ricevette la visita da un Frate di Naso, appartenente all’Ordine di S. Basilio, per acquistare una partita di frumento; ma non potendola pagare in denaro, lasciò come pegno un prezioso anello che portava al dito, con la promessa che avrebbe, poi, saldato il debito. Caricò, quindi, il grano sul mulo e partì. Dopo tanto tempo il nobilotto, non avendo più ricevuto sue notizie e cominciando a dubitare della sua buona fede, decise di recarsi personalmente a Naso per chiedere informazioni. Deluso dell’alone di mistero che avvolgeva il monaco, scoprì, su una parete di un Convento, un quadro che rappresentava proprio il frate che si era presentato alla sua porta. Era San Cono, morto più di cinque secoli prima. Convinto di aver assistito ad un miracolo, decise di fondare un paese e dargli il suo nome.

sagra-del-ficodindia-locandina

LA SAGRA DEL FICODINDIA
La Sagra del Ficodindia, dal 1984, celebra, ogni anno e nel mese di ottobre, la magnificenza del frutto tipico sanconese, il “bastardone“. La sua produzione intensiva, che è sempre esistita, si accresce intorno agli anni ’70, affinandosi nelle tecniche produttive. La ficodindicoltura è, ormai, l’attività economica di punta del paese che, oggi, è definito la “capitale del ficodindia“. La sagra, che rappresenta la vetrina di questo prodotto che è il numero uno al mondo, è il momento della sua massima promozione dopo un intero anno che lo ha visto presente al Salone del Gusto di Torino, al Frutty logistic di Berlino, al Sias di Parigi e in altri importanti appuntamenti. In questa tre giorni, oltre a celebrare questo profumatissimo e gustosissimo frutto, che potrete conoscere e assaggiare, potrete assistere all’esibizione di gruppi flokloristici, di giovani talenti musicali sanconesi, all’inaugurazione di Mostre d’Arte, a un Memorial Musicale e tanto altro.

 

 

PROGRAMMA

Venerdì 12 ottobre

Alle 19 – Cine – Teatro Chiarelli

  • Spettacolo di presentazione della XXXIV edizione della Sagra del Ficodindia e apertura stand
  • Animazione musicale a cura del Gruppo di Canto Popolare di Ballamorea
  • Degustazione di prodotti tipici locali
  • Mostra fotografica relativa alle fasi di lavorazione del ficodindia

Alle 21

Apericena

Sabato 13 ottobre

Alle 9

Giro bandistico per le vie del paese

Alle 10,30

Inaugurazione della della XXXIV edizione della Sagra del Ficodindia di San Con e apertura degli stands espositivi alla presenza delle Autorità civili, politiche, religiose, militari e delle scolaresche di San Cono, San Michele di Ganzaria e Mirabella Imbaccari

Alle 11

  • Animazione degli artisti di strada
  • Percorso turistico a cura della Pro Loco di San Cono

Alle 11,30

Inaugurazione della Mostra d’Arte

Alle 13

Pranzo in piazza a cura dell’Associazione Cuochi etnei

Alle 16 – Piazza Gramsci

Mostra di Carretti e Carrozze siciliane

Alle 17

Percorso turistico a cura della Pro Loco di San Cono

Alle 17 – Piazza Gramsci

Esibizione e successivo giro per il paese dei gruppi

  • Rullanti “Quartiere Castellina” di Piazza Armerina
  • Rullanti “Quartiere Monte” di Piazza Armerina
  • Rullanti “Magistrato dei Quartieri” di Piazza Armerina
  • Corteo Barocco della Città di Noto
  • Corteo Storico della Città di San Cono

Alle 18

Caffè Culturale in presenza di Marco Micciché che presenterà il suo ultimo libro

Alle 21

Memorial musicale “A Nuccio Amodeo” – Esibizione di diversi talenti musicali sanconesi

Domenica 14 ottobre

Alle 9

Biciclettata per visitare le principali aziende agricole e commerciali locali

Alle 9,30 – Piazza Gramsci

Raduno delle “Vespe 50 Special”

Alle 10,30 – Piazza Gramsci

Santa Messa

Alle 12

Festa del Nonno a cura delle Associazioni locali

Alle 16,30

Esibizione del Gruppo Folkloristico e successivo giro per le vie del paese

Alle 17,30

Presentazione della “A.S.D . Sanconitana” per la stagione 2018/2019

Alle 18,30 – Piazza Gramsci

Animazione musicale a cura del Gruppo di Canto Popolare di Ballamorea e successivo giro per le vie del paese

Alle 21

Spettacolo musicale durante il quale saranno consegnati premi e riconoscimenti.

Buona Sagra del Ficodindia.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Il Dirottamento dell’Autobus

Chi ricorda i tempi dei “Gufi” rammenterà il brano sul dirottamento del 18 e non DC8 come frequentemente accadeva di quei tempi. Analoga esperienza ho fatto io oggi ma non sul 18 ma sul 102 perché da noi gli autobus iniziano con il 100.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.