17 ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.26
caronte manchette
caronte manchette
Trapani

Dal 21 al 30 settembre

A San Vito Lo Capo, la XXIª Edizione del Cous Cous Fest [Il Programma]

20 settembre 2018

Cari Watson, la vostra Patti Holmes per il Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell’integrazione culturale, giunto alla ventunesima edizione, che si svolge a San Vito Lo Capo (TP) e che, quest’anno, è all’insegna dello slogan “Emozioni unite”, non vi darà indizi, ma solo informazioni per poterlo godere appieno. Da venerdì, 21 settembre e fino al 30, per ben dieci giorni, questa meravigliosa cittadina dal mare cristallino sarà animata da un ricchissimo programma fatto di sfide di cucina italiane e internazionali, cooking show con chef stellati, degustazioni, talk show, concerti e spettacoli. L’evento, organizzato dall’agenzia di comunicazione Feedback, producer della rassegna, in collaborazione con il Comune, promuove un confronto tra Paesi dell’area euro-mediterranea e non solo, prendendo spunto dal cous cous, piatto semplice, simbolo di meticciato e contaminazione, all’insegna dell’integrazione e dello scambio tra i popoli.

Anche quest’annoha detto il sindaco di San Vito Lo Capo, Giuseppe Perainola nostra cittadina ospiterà chef internazionali, grandi ospiti e artisti per una festa all’insegna del gusto, del divertimento e del confronto tra culture. Il Cous Cous Fest è un appuntamento internazionale, dalla tradizione ultra ventennale, l’evento di punta del territorio che porta alto il nome di San Vito Lo Capo nel mondo“.

cous-cous-fest-san-vito

ORIGINI DEL COUS COUS
Il cous cous è un alimento tipico del Nordafrica, ricavato dal grano duro macinato in modo “grossolano”, condito con una zuppa di erbe e radici tagliate a pezzi e insaporito con pezzi di carne e olio. Viene preparato in speciali pentole di terracotta sovrapposte, dette cuscussiera, dove nella parte inferiore si cuociono le verdure e i pezzi di carne e in quella superiore bucherellata, invece, bolle la semola. Ibn Battuta, il Marco Polo arabo (1304/1369), durante un viaggio nella zona del Mali gustò un cous cous di riso, mentre in quella che è l’odierna Mauritania un cous cous di miglio. Il Cous Cous rappresenta appieno la cultura del popolo berbero che praticava la pastorizia e aveva a disposizione solo grano da frantumare, setacciare, lavorare a mano e far seccare, per poi raccoglierlo in grandi sacchi di tela e sistemarlo nella parte più fresca della tenda. Per secoli questo alimento ha sfamato i nomadi, le cui donne erano solite radunarsi in gruppo per prepararlo.

CUROSITA’
Nei paesi del Maghreb viene portato sulle tavole alla sera, una tradizione che trae origine dal fatto che i popoli nomadi lo consumavamo nelle ore della notte in cui sostavano. In Marocco, invece, a pranzo. La tradizione vuole che si mangi tutti insieme intorno a un unico piatto utilizzando le mani, con la famiglia o con chi viene considerato parte della comunità. Prima di iniziare il pasto a base di cous cous viene sussurrato “Biss’mi Allah”, una preghiera di benedizione per la mensa. I novelli sposi dei popoli del Maghreb, in occasione dei grandi banchetti nuziali, ricevono come pietanza simbolica di conclusione il “cous cous permesso”, che li autorizza alle follie della prima notte, purché ne conservino un po’da offrire ai poveri. In questa area del Nord Africa, questo cibo dai molti usi, ha anche una variante che celebra l’arrivo di un nuovo figlio. Il giorno del parto la famiglia della futura mamma imbandisce per lei una tavola con piatti energetici e ricostituenti, fra questi non può mancare un cous cous alla miscela di spezie in grado di favorirne il latte, nutrimento essenziale per il nascituro.

Prepararlo e consumarlo, nel mondo islamico, è un “rito” religioso. Spesso, infatti, viene offerto ai poveri in occasione dell’elemosina ed è il piatto delle occasioni speciali, come la festa del ritorno dei pellegrini dalla Mecca. Il Corano dispone che il cous cous venga mangiato con le sole tre dita della mano destra, per distinguersi dal diavolo che lo mangia con una, dal Profeta con due e dall’ingordo con cinque.

A diffondere questa pietanza nel mediterraneo furono prima gli arabi e poi, tra la il ‘600 e la fine del ‘700, anche i corallatori, i pescatori di corallo di origini genovesi, che risiedevano nell’isola di Tabarca, davanti a Tunisi. Questi uomini di mare, imbarcando fra le provviste anche un cospicuo quantitativo di kuskussù, lo fecero conoscere in Spagna, Francia, Sardegna e Liguria. In Sicilia arrivò, invece, nella seconda metà dell’800, portato dai pescatori di San Vito Lo Capo e Mazara del Vallo che si recavano sulla costa tunisina. Piatto della pace tra i popoli del Mediterraneo, alla fine dell’Ottocento divenne argomento di narrazione letteraria nei resoconti dei viaggi fatti nell’Africa settentrionale, il celebre Edmondo de Amicis in un suo scritto ricordava il “cous cous” come piatto di principi e di popolo.

locandina-cous-cous-fest

IL COUS COUS FEST 2018
ll Cous Cous Fest è una grande festa di sapori e civiltà che celebra il piatto della pace e dell’integrazione. La gara gastronomica internazionale, cuore della rassegna, è la sua anima più allegra e colorata, infatti, tra ricette, tradizioni e culture a confronto si assiste a una sfida che ha il sapore dell’unione e della condivisione di mondi apparentemente lontani e, invece, così vicini. Dieci le nazioni protagoniste del Campionato del Mondo di Cous Cous, con in gara: Angola, campione in carica, Costa d’Avorio, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal, Spagna, new entry, Stati Uniti e Tunisia. A giudicare gli chef, una giuria tecnica e una popolare, formata dai visitatori della manifestazione. A raccontare tutti gli appuntamenti la coppia formata da Fabio Gallo, conduttore di Linea Blu, e Janet De Nardis, attrice e conduttrice televisiva.

Altro momento imperdibile è il Campionato Italiano Bia CousCous, la sfida azzurra con sei chef, provenienti da tutta Italia, in gara per la conquista del titolo. Due le giurie al voto: una popolare, formata dai visitatori della manifestazione, e una tecnica, presieduta dal giornalista e scrittore Roberto Perrone e formata dai giornalisti Ferruccio Ruzzante di Zafferano Magazine e Paolo Pellegrini che collabora con i giornali del gruppo Qn-La Nazione, da Luciano Pollini, direttore generale di Bia spa e dalla chef sanvitese Antonietta Mazzara. A condurre le manche Andy Luotto e la giornalista Cinzia Gizzi. Partecipano alla gara:

  • Antonio Bellanca, (Agrigento) che lavora al ristorante Officina del Gusto a Grotte (Ag)
    Ricetta: “Quel che resta dell’estate”, un cous cous alla bisque di gamberi con branzino scottato al coriandolo su vellutata di zucchine, pomodorino secco e coulis di olio d’oliva e pistacchio. Un mix di terra e di mare che avvolge il cous cous per dar vita ad un piatto d’amore, ricco di profumi, sapori e colori che valorizzano le eccellenze dei prodotti locali.
  • Alessandro Cretella, Roma, cucina al ristorante dell’Hotel La Griffe MGallery Collection, un 5 stelle lusso, che vede come executive chef Andy Luotto. Ha lavorato ad Eataly Roma e all’NH Collection, Grand Hotel Convento di Amalfi.
    Ricetta: “Solo per amore”, un cous cous con le alici, una crema di menta e limone, cipolla agrodolce, pistacchi, uvetta e melagrana.
  • Luca Giovanni Pappalardo, Bologna, chef umanista, esperto di storia dell’arte e di storia della gastronomia. È stato consulent chef a Berlino al Mediterranean Flavour e al ristorante milanese Capra e Cavoli. Oggi lavora alla trattoria bolognese Pane e Panelle, improntata sulla valorizzazione dei #pescidiversi, pesci poveri dei nostri mari di cui si utilizzano tutte le parti, riducendo al minimo gli scarti e gli sprechi.
    Ricetta: “Solaris”, crema di cous cous all’astice, peperoni, polvere di peperoni cruschi e achillea
  • Luigi Di Turi, Milano, cuoco freelance, collabora con lo chef Antonio Marchello e con la piattaforma socialkitchen.it. “Se penso alla Sicilia – spiega lo chef – mi viene in mente l’agrodolce, la freschezza delle verdure, il profumo del mare e la sua sapidità: sensazioni che ho voluto concentrare in questo piatto”.
    Ricetta: “Il gambero nei giardini di Era”, un cous cous con giardiniera in agrodolce, crudo di gambero e spuma di maionese di bisque.
  • Marianna Calderaro, Monopoli, impara dalla madre le ricette tradizionali. Consulente per diversi ristoranti partecipa a Masterchef 7, dove si classifica sesta. Il suo motto è “non ci sono limiti: se lo puoi pensare lo puoi fare!”.
    Ricetta: “Cous cous di mare”, un cous cous con zuppa di pesce: polpo, scorfano e gallinella con crema di ricotta al profumo di limone, basilico fritto, cialda di tarallo e polvere di olive.
  • Stefano Rufo, Rocchetta a Volturno, IS, chef, patron, sommelier e degustatore di oli presso la Locanda Belvedere di Rocchetta a Volturno (Is). Rivisita i piatti della tradizione locale rispettandone la peculiarità e preferendo materie prime a chilometro zero. Il suo motto è “Cucina non è mangiare, è molto di più. Cucina è poesia”.
    Ricetta: “Estate alle porte”, un cous cous alle verdure di stagione con tartufo scorzone molisano.

sicilia-san-vito-lo-capo

DEGUSTAZIONI ALLE CASE DEL COUS COUS
Sono almeno 40 le ricette di cous cous, carne, pesce, verdure, ricette esotiche, della tradizione e anche una variante senza glutine, tra cui scegliere nei menu proposti dalle Case del Cous Cous, i tradizionali punti di degustazione. Il ticket degustazione ha un costo di 10 € e può essere acquistato alle biglietterie del Fest, dal 21 al 30 settembre, dalle ore 11 alle 24, oppure online. Le ricette internazionali si assaggiano alla Casa del Cous Cous dal Mondo, in via Regina Margherita all’angolo con via Abruzzi, mentre i sapori tradizionali della cucina nordafricana alla Casa del Cous Cous del Mediterraneo, in piazza Carlo Barbera (ex piazza Marinella).

Quattro i punti di degustazione sulla spiaggia: la Casa del Cous Cous del Maghreb, all’altezza dell’hotel Capo San Vito, dove trionfano i profumi e gli odori della terra del cous cous; Al Waha, in corrispondenza di via Savoia, che propone ricette di cous cous per tutti i gusti, da quelli del territorio alle varianti internazionali fino al riso; la Casa del Cous Cous di San Vito Lo Capo, all’altezza della Villetta Faro, dove sono protagoniste le ricette tradizionali della cittadina e, infine, il nuovo punto di degustazione Cous Cous & Friends, all’altezza della piazza Carlo Barbera (ex piazza Marinella), dove si possono assaggiare alcune specialità mediterranee.

Con DOLCEMENTE SICILIA, con ticket di 2 euro, potrete gustare: cassatele con ricotta, zucchero, limone, cioccolato; cassatella all’antica o cannolo con ricotta, zucchero, cioccolato; pignolata; cassata siciliana; torta con crema o panna; torta con ricotta e panna; sfince; macedonia, granita al limone e frutta del giorno.

COOKING SHOW (Con ticket, tranne quelli in cui trovate l’aggiunta di “ingresso libero”)

Ai cooking show del PalaBia puoi vedere chef stellati all’opera, degustare i loro piatti abbinati ai migliori vini regionali, soddisfare ogni curiosità e interagire con i protagonisti: Giorgione da Gambero Rosso Channel, Sergio Barzetti, volto della Prova del cuoco, l’oste e cuoco siciliano Filippo La Mantia, ma anche Antonio Lamberto Martino, personal chef, panificatore e volto noto di Bake Off Italia e il simpatico Andy Luotto. E ancora, gli chef stellati Norbert Niederkofler, del ristorante St. Hubertus all’Hotel Rosa Alpina a San Cassiano in Badia (Bz), Pino Cuttaia, chef e patron del ristorante La Madia a Licata (Ag) e Pietro d’Agostino, del ristorante La Capinera a Taormina (Me). Direttamente da Real Time arriva Renato Ardovino, protagonista della trasmissione “Le torte di Renato”, mentre l’appuntamento dedicato ai più piccoli è quello con la foodblogger Chiara Maci che insegnerà a cucinare il cous cous ai baby chef.

Cooking Show al PalaBia

Venerdì 21 Settembre
Alle 10.30
Make a Network
Presentazione delle Best Practice nate a seguito degli eventi Unicredit: SiciliaDigitalDay, Sicily4Business e SicilyOnTourism.
EVENTO SU INVITO

Alle 18
Electrolux Experience
Cooking show con degustazione Electrolux Professional a cura dell’Unione Regionale Cuochi Siciliani Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi
INGRESSO LIBERO

Alle 20
Priceless Sicily Experience
Pino Cuttaia
Cooking Show con degustazione a cura di Mastercard e Unicredit.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi
Esperienza esclusiva solo per i titolari di carte Mastercard®. L’intero ricavato di questa esperienza, verrà devoluto in beneficenza.

Sabato 22 Settembre
Alle 20
Cooking Show Conad
Rocco Pace, Stefano De Gregorio, Vinod Sookar
Cooking show con degustazione
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Domenica 23 Settembre
Alle 12
Cooking Show Coca-Cola
Gianluca Tomasi
Cous cous cola, crostino di pane croccante al pomodoro con couscous di verdure al limone, mousse di pollo al curry e gelatina di Coca-Cola e Marsala superiore riserva d.o.c.
Cooking Show con degustazione
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 16
Cooking Show Lavazza
Renato Ardovino
Eraclea per San Vito Lo Capo
Cooking Show con degustazione del cake designer Renato Ardovino.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 19
Electrolux Experience
Salvatore Gambuzza
Pane, caponata di cous cous, santolina e l’ombrina croccante.
Cooking show con degustazione Electrolux Professional a cura di Salvatore Gambuzza, del ristorante La Terrazza degli Dei di Agrigento.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Lunedì 24 Settembre
Alle 13
Cooking Show
Andy Luotto
Il ricco pesce povero
Cooking show con degustazione realizzato dallo chef Andy Luotto a cura della Regione Siciliana – Dipartimento della pesca Mediterranea.
Conduce Cinzia Gizzi
INGRESSO LIBERO

Alle 18
PalaBia
Electrolux Experience
Alessandro Ravanà
Ghiotta alla Marinisa con cous cous
Cooking show con degustazione Electrolux Professional a cura di Alessandro Ravanà del ristorante ll Salmoriglio di Porto Empedocle (AG) Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 20
Electrolux Experience
Pietro D’Agostino
Gambero allo spiedo
Cooking show con degustazione Electrolux Professional a cura di Pietro D’Agostino, 1 stella Michelin, del ristorante La Capinera di Taormina e Davide Merlino della Lumaca Madonita
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Martedì 25 Settembre
Alle 12
Il Cous Cous della tradizione
Cous Cous alla Pantesca
Cooking show con degustazione a cura di Piera Spagnolo del ristorante Tha’am, Katia Abrignani del ristorante Gna’ Sara di San Vito Lo Capo e Rosaria Anderson
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 14
Electrolux Experience
Cooking show con degustazione Electrolux Professional a cura dell’Unione Regionale Cuochi Siciliani
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi
INGRESSO LIBERO

Alle 16
Electrolux Experience
Cooking show con degustazione a cura dello chef Seby Sorbello e “Gli chef con la coppola”
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi
INGRESSO LIBERO

Alle 18.30
Cuochi di Classe
Fagottini di anguilla all’aglione
Cooking show con degustazione a cura degli studenti della scuola “A. Vegni” di Cortona (Arezzo) vincitrice del campionato italiano studentesco di cucina promosso dal comune di Argenta (FE)
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi.
INGRESSO LIBERO

Alle 20.30
Le Ricette di Bia CousCous
Filippo La Mantia
Bia CousCous di grano saraceno con il ragù misto, i piselli e il caciocavallo stagionato
Cooking Show con degustazione dell’oste e cuoco Filippo La Mantia.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Mercoledì 26 Settembre
Alle 12
Il Cous Cous della tradizione
Cous Cous di pesce alla sanvitese
Cooking show con degustazione a cura Enzo Battaglia del ristorante La Casa di Enzo e Peppe Salmeri del ristorante L’Amuri di San Vito Lo Capo
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 13.30
Le Ricette di Bia CousCous
Filippo La Mantia
Dolce&Salato: Bia CousCous mais e ceci con i tenerumi, “Scafazzè” di Bia CousCous integrale con ricotta, cioccolata, scorze di cannolo, rotte, cannella e frutta candita
Cooking Show con degustazione dell’oste e cuoco Filippo La Mantia.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 15.30
Electrolux Experience
Giovanni Lullo
Cous cous e la sua semplicità apparente
Cooking show con degustazione Electrolux Professional a cura di Giovanni Lullo del ristorante Il Cortile di Pepe di Cefalù (PA)
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 19
Wine Tasting Tenute Orestiadi
Vincenzo Candiano
L’essenza del Belice
Degustazione guidata dei vini della cantina siciliana Tenute Orestiadi. Le etichette saranno in abbinamento a due piatti dello chef Vincenzo Candiano, chef 2 stelle Michelin del ristorante “La Locanda di Don Serafino” (RG).
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Giovedì 27 Settembre
Alle 16
Cous cous al caffè Lavazza: dal salato al dolce
Filippo La Mantia
Il cous cous con la “glassa” del capretto e la polvere del caffè. Il cous cous integrale caffè&panna
Cooking Show con degustazione dell’oste e cuoco Filippo La Mantia.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 20.30
Cooking Show
Giorgione
Il pomo… d’oro laido
Cooking show con degustazione a cura di Giorgione del programma Orto e Cucina di Gambero Rosso Channel.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Venerdì 28 Settembre
Alle 12
Cooking Show
Antonio Lamberto Martino
Ballata d’Amuri
Cooking show con degustazione a cura di Antonio Lamberto Martino
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 16.30
Cooking Show
Norbert Niederkofler e Filippo La Mantia
Cooking Show con degustazione a cura dello chef Norbert Niederkofler, tre stelle Michelin, e dell’oste e cuoco Filippo La Mantia
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 18.30
Le Ricette di Bia CousCous
Sergio Barzetti
Bia CousCous al basilico in camicia di melanzana e cuore goloso di toma blu
Cooking Show con degustazione a cura di Sergio Barzetti Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Sabato 29 Settembre
Alle 11
Bia CousCous Kids
Chiara Maci
CousCoussini con frittata.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi
INGRESSO LIBERO

Alle 16
Cooking Show
Cooking show con degustazione a cura della Regione Siciliana – Assessorato Agricoltura.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi.
INGRESSO LIBERO

Alle 18
Cooking Show Alce Nero
Chiara Maci
Cooking Show con degustazione a cura di Chiara Maci.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 20
Le Ricette di Bia CousCous
Filippo La Mantia
Bia CousCous ceci e lenticchie con il macco di fave ed il finocchietto
Cooking Show con degustazione di Filippo La Mantia.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Domenica 30 Settembre
Alle 12
Coffee pairing con Caffè Lavazza
Dennis Zoppi e Filippo La Mantia
Il cous cous, la birra ed il caffè Lavazza. Cous cous con pesto a crudo di finocchietto, pomodorini secchi, origano, peperoncino e una spolverata di caffè Lavazza.
Cooking show con degustazione a cura dell’Oste Cuoco Filippo La Mantia e il bar tender Dennis Zoppi.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 14
Cooking Show Conad
Marcello Valentino, Massimo Spallino, Luigi Pomata
Cooking show con degustazione Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi

Alle 18
Cooking Show Cofiol
Emanuele Russo
Olio extravergine di oliva IGP Sicilia miglior alleato della dieta mediterranea
Cooking show con degustazione cura dello chef Emanuele Russo con Alessandro Chiarelli presidente del COFIOL.
Conducono Andy Luotto e Cinzia Gizzi
INGRESSO LIBERO

CONCERTI E SPETTACOLI
In programma 12 live show. Nove i concerti previsti, due spettacoli, un dj set e approfondimenti con ospiti prestigiosi. Ogni sera esplode la musica a San Vito Lo Capo con grandi artisti che si esibiranno sul palco del Cous Cous Fest.

Venerdì 21 Settembre

LE VIBRAZIONI

Sabato 22 Settembre

CARMEN FERRERI

Domenica 23 Settembre

BEPPE GRILLO

Lunedì 24 Settembre

FANFARA STATION

Martedì 25 Settembre

ALSARAH & THE NUBATONES

Mercoledì 26 Settembre

GEMITAIZ

Giovedì 27 Settembre

THE KOLORS

Venerdì 28 Settembre

ERMAL META

Sabato 29 Settembre

AKUA NARU

Domenica 30 Settembre

MATRANGA E MINAFÒ

 

Dal 21 al 30 settembre San Vito Lo Capo e il suo Cous Cous Fest vi aspettano per catturare tutti i vostri sensi, anche il sesto.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Il Dirottamento dell’Autobus

Chi ricorda i tempi dei “Gufi” rammenterà il brano sul dirottamento del 18 e non DC8 come frequentemente accadeva di quei tempi. Analoga esperienza ho fatto io oggi ma non sul 18 ma sul 102 perché da noi gli autobus iniziano con il 100.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.