A Santo Stefano di Camastra per l'Oktoberfest [Il programma] :ilSicilia.it
Messina

Dal 4 al 7 ottobre

A Santo Stefano di Camastra per l’Oktoberfest [Il programma]

di
1 Ottobre 2018

La vostra Patti Holmes, cari Watson, vuole portarvi non all’Oktoberfest di Monaco di Baviera, ma a quello molto più vicino di Santo Stefano di Camastra (ME). Prima di tuffarci nella “bionda”,  qualche cenno su questo incantevole angolo di Sicilia non guasta.

  • E’ uno splendido comune della provincia di Messina
  • Suggestivo terrazzo sul Tirreno, incastonato tra i Monti Nebrodi e la dorata costa tirrenica
  • Noto per la produzione artigianale di ceramiche artistiche, per l’uva da mosto, olive, grano, agrumi, ortaggi, legname e sughero
  • Il cui nome, originariamente, era “Santo Stefano di Mistretta”
  • Distrutto da una frana nel 1682 e ricostruito nel 1693 in una zona più costiera rispetto a quella precedente
  • Nel 1812 diventa “Santo Stefano di Camastra”, in onore del duca Giuseppe Lanza di Camastra, fondatore e benefattore della città
  • Nella cui storia è centrale anche un altro toponimo: Noma, civiltà di pastori e contadini di cui fanno cenno Tucidide, Polibio, Cicerone, Silio Italico e tre storici locali: Edmondo Cataldi, Salvatore Ruggieri e Salvatore Pagliaro Bordone, che la collocano contrade di Romei o di Vocante
  • Da popolazione di pastori e contadini si trasformano in pescatori ed artigiani
  • Allo sfruttamento dell’argilla si legano ben presto le sorti dei “nuovi” stefanesi e tracce di forni e testimonianze d’archivio lasciano supporre  l’esistenza di un’attività ceramista sin dall’epoca araba
  •  L’arte è il suo sigillo nelle piazze e nelle botteghe, nei palazzi e sui muri.

Siete pronti per questa quattro giorni, dal 4 al 7 ottobre, a Santo Stefano di Camastra, meraviglioso museo a cielo aperto, per celebrare l’Oktoberfest? La cittadina della Ceramica si colorerà,  anche quest’anno, di giallo grazie ai tantissimi stands dedicati alla bionda bavarese, alle birre artigianali e allo street food siciliano ed internazionale. La manifestazione, che è organizzata da un’associazione di giovani stefanesi, ALMAGI (Alberto, Matteo, Giorgio), e patrocinata dal Comune di Santo Stefano di Camastra, vede la partecipazione di tante attività locali ed espositori da tutta la Sicilia. Moltissime le proposte culinarie che saranno presentate per l’occasione da esperti ristoratori, che cattureranno i vostri sensi.

 

PROGRAMMA

Giovedì 4 ottobre 

Palco 1 – Piazza Liborio Gerbino

Abusivi Band ed a seguire DJ set Filippo Catanzaro

Venerdì 5 ottobre

Palco 1

Spettacolo di musica dal vivo con i “TreTerzi” e il loro rock travolgente

A seguire Dj set Filippo Catanzaro

Palco 2 – Corso Umberto

Spettacolo di musica dal vivo con gli “Overdrive Band”

Sabato 6 ottobre

Palco 1

Spettacolo di musica dal vivo con i “Siciliano Sono”

A seguire Dj set. Filippo Catanzaro

Palco 2

Spettacolo di musica dal vivo con i “Voodoo Bros”

Domenica 7 ottobre

Palco 1

Spettacolo di musica dal vivo con i “Kilimangiaro Band”

A seguire Dj set. Filippo Catanzaro

Palco 2

Spettacolo di musica dal vivo con i “Il bello, il bullo ed il grattino feat. Joe Purple”

Buon Oktoberfest in un’atmosfera da non perdere.

[Foto copertina tratta dalla Pagina Facebook “Viva la birra”]

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.