17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.40
Palermo

Domenica 2 dicembre

A Sclafani Bagni per la “Sagra della Salsiccia” [Il programma]

29 Novembre 2018

Volete una domenica da ricordare? La vostra Patti Holmes, buona come non mai, vi dà un consiglio allettante e molto gustoso che vi porta, il 2 dicembre, a Sclafani Bagni (PA) per la “Sagra della Salsiccia“. Una giornata alla scoperta di una “perla” delle Madonie, tra visite guidate, degustazioni, spettacoli e convegni dedicati a uno dei prodotti gastronomici madoniti d’eccellenza.

sagra-salsiccia Sclafani Bagni

La tradizionale Sagra della Salsiccia porterà in questo suggestivo e incantato borgo il meglio della produzione locale per promuovere una tipicità del territorio. La Salsiccia di Sclafani, prodotta da oltre un secolo seguendo una lavorazione esclusivamente artigianale, rappresentata una complessa filiera produttiva: allevatori, macellatori, macellerie, trasformatori, commercianti, trasportatori e ristoratori, riuniti per una festa che è anche un’occasione di valorizzazione del territorio. Accanto alle degustazioni che vedranno la salsiccia come protagonista assoluta, tante le attività e i tour alla scoperta di questo luogo di magia, ricco di storia e di bellezze naturali, tra cui spiccano: la Chiesa Madre (XIV-XVI sec.), che conserva alcune preziose tele ed un sarcofago romano; la Chiesa del Crocifisso (XVI-XVII sec.), al cui interno si può osservare una delle poche antichissime “vare” da processione; la Chiesa di San Giacomo ed i ruderi dell’antico Castello (XIV sec.); le bellezze paesaggistiche naturali, come le Terme, immerse nella straordinaria campagna madonita, dove le acque sgorgano ad una temperatura di circa 35°C e sono di composizione clorurato-solfato-alcalina: la presenza di acido solfidrico, inoltre, le classifica come acque termali sulfuree, con tutte le proprietà creno terapiche caratteristiche delle acque di questa categoria. Una vera sorpresa nascosta nelle vallate poco ad ovest del centro abitato, secondo molti storici di origini antichissime, risalenti all’epoca greca.

Moltissime le aziende agricole e artigianali, provenienti da ogni parte della Sicilia, che esporranno i propri prodotti per farli conoscere e assaggiare ai tanti buongustai che parteciperanno. Inoltre le degustazioni di salsiccia e degli altri prodotto tipici del territorio saranno accompagnate da conferenze di approfondimento sul tema dell’allevamento e allietate da momenti musicali e di intrattenimento, tra questi lo spettacolo musicale del gruppo folk Gazzara. Andiamo nel dettaglio del ricchissimo programma.

 

PROGRAMMA

Domenica 2 dicembre

Alle 8
Escursione presso la riserva naturale orientale di Favara e bosco Granza

Alle 10
Apertura degli stand espositivi

Alle 11
I° turno visita guidata presso le chiese e la sorgente delle acque termali (navetta gratuita)

Alle 12.30
Stuzzichino di benvenuto preparato dal Ristorante “Terrazza Costantino” (Michelin Bib Guormand)

Alle 13:30
Degustazione salsiccia con esibizione del Gruppo Folk “Gazzara”

Alle 15:30
II turno di visite guidate presso le chiese e la sorgente delle acque termali (navetta gratuita)

Alle 17 – Presso l’aula consiliare
“Allevamenti e produzioni zootecniche presenti nel territorio” conferenza a cura Dott. Di Carlo Filippo

[Per info e prenotazioni escursioni: cell. 331/7306068 Guida naturalistica Calogero Vallone]

[Per informazioni: Ufficio Turistico tel. 0921/600784]

Per una domenica a tutto gusto, Sclafani Bagni vi aspetta.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.