A Tortorici presentazione del libro “Le pietre parlano” di Cesare Di Vincenzo :ilSicilia.it

Richiesta onoreficenza per l'autore

A Tortorici presentazione del libro “Le pietre parlano” di Cesare Di Vincenzo

di
1 Agosto 2020

Nella serata di domenica 26 luglio  nella villa comunale della città di Tortorici si è tenuta una manifestazione per la ripresentazione del libro: Le pietre parlano scritto da Cesare Di Vincenzo, deceduto 13 anni fa.

A fare da relatori sono stati chiamati Don Antonino Nuzzo, Carmelo Raffa, Fabio e Claudio Faranda.

Ha  introdotto e coordinato i lavori l’Editore Armando Siciliano. Don Antonino Nuzzo che è stato compagno d’infanzia di Cesare Di Vincenzo ne  ha ricordato le doti morali, cristiane e di alto spessore dell’autore.

Carmelo Raffa, Coordinatore della FABI Sicilia ha richiesto al Sindaco della città di Tortorici Emanuele Galati Sardo che si facesse promotore di un riconoscimento all’autore per ciò che ha fatto nella vita e ciò con l’intitolazione di una via o almeno di una struttura.

Cesare Di  Vincenzo, ha affermato Raffa, che è stato anche bancario e sindacalista della FABI ha avuto come vero amore il settore dell’agricoltura tant’è che non solo  ha ricoperto per tanti anni e fino alla morte l’incarico di Presidente Regionale della Confagricoltura ma ha elaborato proposte concrete al mondo politico-istituzionale per venire incontro attraverso l’approvazione di leggi da parte dell’ARS alle esigenze del mondo agricolo.

Fabio e Claudio Faranda che  sono entrati nel merito del contenuto del libro hanno evidenziato i rapporti di parentela che hanno legato e legano la Famiglia Faranda alla Famiglia Di Vincenzo.

Prima della fine dei lavori l’artista del luogo Calogero Armeli ha omaggiato una pietra ben lavorata e  scolpita in memoria del Buon Cesarino.

Hanno concluso i lavori i figli dell’autore Dario e Paola Di Vincenzo, ringraziando i relatori, il Sindaco e le tante Persone presenti all’iniziativa e ricordando alcuni momenti di vita del Padre.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.