A Ucria "i segreti" dello spettacolo dell'Opera dei Pupi | FOTO :ilSicilia.it
Messina

La particolarità di vedere il “dietro le quinte”

A Ucria “i segreti” dello spettacolo dell’Opera dei Pupi | FOTO

di
8 Agosto 2018
SCORRI LA FOTO-GALLERY IN ALTO

Martedì 7 agosto, alle 21, nell’arena comunale di Ucria (ME), si è tenuto lo spettacolo dell’Opera dei Pupi della con “l’Antica Compagnia della famiglia Puglisi” di Sortino insieme all’Associazione “Gli Ultimi Cantastorie”, con la presenza del Presidente Francesco Occhipinti, grazie all’organizzazione dell’Associazione Culturale Ucriese, presieduta dal Presidente Pina Murabito, col patrocinio del Comune di Ucria, dal Sindaco Enzo Crisà e dall’Assessore alla Cultura Gabriella Gurgone, spettacolo della tradizione e dell’identità siciliana.

Oggi, il puparo è il nipote di don Ignazio Puglisi di Sortino, Manlio Ignazio Puglisi, che con una tradizione lunga più di 300 anni, che oggi porta avanti questa storica cultura.

La scena che è stata riprodotta è “La morte di Orlando”, con la Sconfitta di Roncisvalle, una delle opere più caratteristiche delle compagnie dell’Opera dei Pupi, spettacolo unico al mondo, che fa parte della tradizione catanese, con dei Pupi alti da un metro e dieci a un metro e venti, dal peso che si aggira dai 25/30 kg.

Pupi UcriaLa particolarità dello spettacolo a Ucria è stata data la visibilità del movimento dei pupi, la possibilità di vedere il puparo nelle manovre, nel condurre il pupo nella scena, facendo vivere il “dietro le quinte” del teatrino, uno spettacolo nello spettacolo, tutto dal vivo e tutto dal vero.

Lo spettacolo dell’Opera dei pupi è interamente in italiano, a differenza del Cantastorie che è interamente in siciliano. Il puparo è colui che dà la voce a tutti i pupi. Uno spettacolo magico considerato e riconosciuto “Patrimonio mondiale, orale e immateriale, dell’umanità UNESCO”, patrimonio umanitario nel trasmettere oralmente quello il puparo trasmetteva al figlio e il figlio al nipote.

La compagnia è composta da: Marco Cannata, autore dei testi, alcuni di vecchia data, altri rivisti con la terminologia italiana, che cura i testi tipici in italiano, dandone l’anima con le parole, Gianfranco Salonia, il costruttore e manutentore dei pupi storici, un lavoro che esegue sin da piccolo sempre a fianco della famiglia Puglisi, Gepi Papa, fotoreporter della compagnia, Massimo Italia, tecnico aiutante scenografico, Sofia Salvino, Assessore alla Cultura di Sortino (Sr) e Ignazio Manlio Puglisi, nipote del famoso puparo don Ignazio Puglisi, artisti, personaggi siciliani che continuano la tradizione siciliana, cercando di non farla morire.

Pupi UcriaAlla fine dello spettacolo i ringraziamenti: Pina Murabito, Presidente dell’Associazione Culturale Ucriese che ringrazia la compagnia e la famiglia Puglisi e si complimenta per la grande importanza e responsabilità nel tramandare questa importante tradizione, mantenendola viva, ringrazia i presenti nell’arena e il Sindaco Enzo Crisà, sia per il patrocinio che per il sostegno morale, soprattutto perché l’Associazione culturale Ucriese premeva da tempo la presenza di questo spettacolo ad Ucria, sottolineando la finalità dell’Associazione, cioè quella di far conoscere e tramandare la storia siciliana, cercando di portare avanti le tradizioni sia siciliane che del territorio, e continua ringraziando l’assessore alla cultura, Gabriella Gurgone, che ha collaborato per una buona riuscita dell’iniziativa, e a tutta l’amministrazione presente, ringraziando soprattutto tutta l’associazione culturale, che si è prodigata, alla fine, a far degustare un dolce tipico delle tradizioni siciliane.

Il sindaco, Enzo Crisà, che ringrazia e si complimenta con l’Associazione culturale ucriese e con la Compagnia Antica dei Pupi Siciliani della famiglia Puglisi, per aver organizzato tale spettacolo di grande pregio, non solo storico, quanto di tradizione culturale, condividendo e sostenendo l’idea del rinnovo generazionale per quanto riguarda le tradizioni popolari, antiche, sostenendo soprattutto le attività, che vanno portate avanti con forza da ogni singola persona, e, infine, ringrazia tutta la squadra dell’amministrazione e a tutto il gruppo di giovani ucriesi che collaborano per una buona riuscita dell’estate ucriese.

Infine, il presidente dell’Associazione fa un omaggio al Sindaco donando come ricordo della serata un pupo siciliano, realizzato interamente e rigorosamente a mano dal maestro Francesco Salamanca.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.