18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.48
Palermo

Chiude la kermesse del villaggio letterario

A Ustica si parla di mare, natura e cultura con l’assessore Tusa

29 Agosto 2018

“Il mare tra natura e cultura” è il titolo dell’incontro che si svolgerà giovedì 30 agosto, alle 21,30 a Punta Spalmatore, nell’ambito di Ustica Villaggio letterario. Una conversazione con l’assessore regionale ai Beni e all’Identità siciliana Sebastiano Tusa. A moderare sarà il professor Franco Foresta Martin. Interviene il professore Massimo Capulli. Partecipano la direttrice del Polo Museale di Arte Moderna e Contemporanea dott.ssa Valeria Li Vigni, l’architetto Anna Russolillo, la scrittrice Lucia Vincenti, entrambe ideatrici della Kermesse Ustica Villaggio Letterario, Associazioni Villaggio Letterario e Lunaria Onlus A2, e l’architetto Alessandra De Caro (Soprintendenza del mare). Ingresso libero.

Non poteva concludersi in modo migliore questa quarta edizione del Villaggio letterario, dedicato quest’anno al grande campione mondiale di apnea Enzo Maiorca, che dal 1° giugno ha visto nell’isola del Tirreno oltre 140 eventi con tantissimi ospiti.

Protagonista assoluto di questo incontro del 30 agosto sarà il mare, a cui Tusa da soprintendente del mare, ma ancor prima da studioso e appassionato, ha dedicato tutta la propria vita. Un mare da scoprire, non soltanto quale luogo per momenti di relax, ma soprattutto come grande serbatoio di energia e fonte di vita, scommessa fondamentale per un turismo che guardi alla natura e alla sua salvaguardia come grande occasione culturale.

Natura e cultura, dunque, anche grazie al mare divengono binomio inscindibile, ancor di più a Ustica, dove l’acqua cristallina e la magia dei suoi fondali diventano un biglietto da visita unico.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.