A Villa Piccolo la cerimonia conclusiva del Premio Lighea :ilSicilia.it
Messina

sabato 16 novembre

A Villa Piccolo la cerimonia conclusiva del Premio Lighea

12 Novembre 2019

Giunge al termine la prima edizione del Premio Lighea, manifestazione culturale  che ha previsto al suo interno laboratori di poesia frequentati da molti studenti e che si concluderà sabato 16 novembre a Villa Piccolo.

Questo premio, ideato da Maria Grazia Insinga, nasce con l’obiettivo di promuovere la poesia contemporanea e il fare poetico, sostenuto e organizzato dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, con il contributo economico dell’Assessorato per i Beni Culturali e l’Identità Siciliana. 

IL PREMIO LIGHEA

Il premio Lighea deve il suo nome alle sirene che, secondo il libro di Lucio Piccolo, abitano sull’isola dove hanno fatto un sortilegio della voce narrato anche da Giuseppe Tomasi Di Lampedusa nel suo “La sirena“. premio lighea

Nell’incontro conclusivo, Maria Grazia Calandrone dialogherà con gli studenti e leggerà “La Sirène”, contenuta nel libro “Il bene morale”, inoltre presenterà anche la sua ultima raccolta di poesie.

Subito dopo ci sarà la proclamazione dei vincitori dei laboratori di poesia e dei vincitori dei laboratori di carnet de voyage. A valutare e premiare i poeti nel giardino di Lighea sarà una giuria d’eccezione composta da poeti, scrittori e artisti.

Per due mesi Villa Piccolo ha aperto i suoi giardini a tutti gli appassionati di poesia, ma anche agli studenti di alcune scuole del territorio che hanno aderito al progetto.

Dopo avere ospitato importanti artisti e autori italiani, questa prima edizione si conclude con una festa della poesia e con un vernissage dei taccuini a leporello, donati dalla casa editrice Fiorina di Giovanni Fassio.

Questa stagione culturale ha richiamato a sé un numero considerevole di studenti, che tramite i vari laboratori e incontri, hanno contribuito a riportare la poesia a Villa Piccolo.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona