A Villa Piccolo la prima edizione del Premio Lighea: ecco i vincitori :ilSicilia.it

dopo due mesi di laboratori di scrittura in versi

A Villa Piccolo la prima edizione del Premio Lighea: ecco i vincitori

di
18 Novembre 2019

La prima edizione del Premio Lighea – premio ideato da Maria Grazia Insinga con l’obiettivo di promuovere la poesia contemporanea e il fare poetico, sostenuto e organizzato dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella con il contributo economico dell’Assessorato per i Beni Culturali e l’Identità Siciliana – dopo due mesi di laboratori di scrittura in versi, frequentati da oltre un centinaio di studenti, si è conclusa a Villa Piccolo sabato 16 novembre.

Per due mesi Villa Piccolo ha aperto i suoi giardini a tutti gli appassionati di poesia ma anche agli studenti di alcune scuole del territorio che hanno aderito al progetto: l’Istituto Comprensivo 1 e 2, Liceo “L. Piccolo” e l’Istituto d’Istruzione superiore “F. P. Merendino” di Capo d’Orlando; il Liceo Classico “Vittorio Emanuele III” di Patti; l’Istituto Comprensivo “G. Verga” di Acquedolci; l’American High School di Beirut (Libano).

Il bilancio di questa bellissima stagione culturale è entusiasmante: cento studenti, duecento poesie, venti carnet de voyage illustrati, una mostra dei taccuini, un’antologia curata dall’ideatrice del Premio e che troverete in libreria, e la sensazione che la poesia sia davvero tornata a Villa Piccolo. Dal punto di vista logistico, per tutta la durata del Premio Lighea, la Fondazione Piccolo ha messo a disposizione degli studenti un mezzo di trasporto gratuito per raggiungere Villa Piccolo dal centro di Capo d’Orlando.

Dopo avere ospitato alcuni tra i maggiori poeti, scrittori e artisti italiani – Andrea Accardi, Franca Alaimo, Diego Bertelli, Maria Grazia Calandrone, Enrico De Lea, Noemi De Lisi, Stefano Faravelli, Gianluca Furnari, Antonio Lanza, Simona Lo Iacono, Daita Martinez, Nadia Terranova – questa prima edizione del Premio Lighea si conclude con una festa della poesia e con un vernissage dei taccuini a leporello che la pavese casa editrice Fiorina di Giovanni Fassio ha donato in occasione dei laboratori artistici tenuti dall’artista torinese Stefano Faravelli. I carnet più belli sono stati valutati da una giuria composta da Stefano Faravelli, Mauro Cappotto e Maria Grazia Insinga e illustrano l’antologia cartacea che contiene i versi più belli dei giovani poeti “sirenici”.

Alle ore 16.00 si è svolto l’incontro degli studenti con Maria Grazia Calandrone, una delle maggiori poetesse italiane; alle ore 17.00 – introdotta dai saluti del Presidente della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, l’Avv.Andrea PruitiCiarello – è iniziata la cerimonia di premiazione, alla presenza di oltre duecentocinquanta persone.

A valutare e premiare i poeti nel giardino di Lighea è stata una pregevole giuria composta da poeti, scrittori, artisti ed esperti: Franca Alaimo (poetessa), Maria Grazia Calandrone (poetessa), Simona Lo Iacono (poetessa e scrittrice), Daita Martinez (poetessa), Aurelio Pes (scrittore, drammaturgo e critico musicale), Domenica Sindoni (docente di Latino e Greco), Nadia Terranova (scrittrice), Fulvia Toscano (direttrice artistica dei festival Naxoslegge e Nostos), Pierino Venuto (studioso di Stefano D’Arrigo) e, naturalmente, Maria Grazia Insinga (poetessa e pianista).

I VINCITORI SEZIONE POESIA

ADULTI

10 posto: Stefano Schirò, di Piana degli Albanesi (Palermo), professore di Storia dell’Arte presso I.C. “Angelo Musco”di Catania.

20 posto: Deborah Prestileo, di Galati Mamertino (Messina), studentessa universitaria.

30 posto: Alessandra Parla, di Capo d’Orlando (Messina), impiegata comunale.

STUDENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO

10 posto: Claudia Maniaci, di Brolo (Messina), studentessa presso il Liceo Classico “V. Emanuele III” di Patti.

20 posto: Maria Gaia Currò, di Acquedolci (Messina), studentessa presso il Liceo Artistico “Lucio Piccolo” di Capo d’Orlando.

30 posto: Ines Addinga,di Ficarra (Messina), studentessa presso il Liceo Classico “Lucio Piccolo” di Capo d’Orlando.

Menzione speciale: Davide Pio Ciccarello, di Capo d’Orlando (Messina),studente presso l’IIS “F. P. Merendino” di Capo d’Orlando.

STUDENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO

10 posto: Sara Randazzo, allieva presso l’I.C. 1 “Ernesto Mancari” di Capo d’Orlando.

20 posto: Lorenzo Scavone, allievo presso l’I.C. “Giovanni Verga” di Acquedolci.

30 posto: Gabriele Caruso, allievo presso l’I.C. 2 “Giovanni Paolo II” di Capo d’Orlando.

STUDENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA

10 posto: Giulia Santaromita Villa, allieva presso l’I.C. 2 “Giovanni Paolo II” di Capo d’Orlando.

20 posto: Benedetto Savio IIIA, allievo presso l’I.C. “Giovanni Verga” di Acquedolci.

30 posto: Alessia Argiri, allieva presso l’I.C. 1 “G. Tomasi Di Lampedusa” di Capo d’Orlando.

I VINCITORI SEZIONE CARNET DE VOYAGE

10 posto: Leone Gregorio (studente presso il Liceo Classico “Lucio Piccolo” di Capo d’Orlando)

e Mario Valenti (docente di Storia dell’Arte presso il Liceo Artistico di Barcellona P. G.) autori dell’acquerello selezionato per illustrare la copertina dell’antologia poetica.

Per quest’ultima categoria sono stati premiati, con l’inserimento dei loro acquerelli e poesie nell’antologia, anche i seguenti studenti: Antonella Tascone, Salvatore Emanuele, Sara Migliastro, Erika Di Pane Masi, Giorgio Calabrese, Gabriele Triscari, Marco Pruiti Ciarello, Francesca Tindiglia, Fiorella Barbagelata, Maria Gaia Currò, Cristina Marzullo, Ludovica Marinelli, Sofia Rizzo, Ines Addinga, Ludovica Ciminata, Leonardo Corradini, Sophia Giuliano, Valerio Di Ianni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.