A volte ritornano: la York Capital di nuovo sulla strada del Palermo calcio :ilSicilia.it
Palermo

L'HEDGE FUND AMERICANO ENTRA IN UN PROGETTO ROSANERO

A volte ritornano: la York Capital di nuovo sulla strada del Palermo calcio

di
2 Luglio 2020

Certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano“. Un ritornello, quello di Antonello Venditti, ripreso solitamente fra innamorati rimasti a lungo lontani, distanti da tempo. Ma nel caso di oggi non parliamo di uomini ma di società. Non trattiamo di amore ma di business.

Recentemente la SSD Palermo, società di Dario Mirri e Tony Di Piazza, ha lanciato il proprio laboratorio, “Palermo Innovation Lab“. Una piattaforma multidisciplinare, sia fisica che virtuale, nata per sviluppare progetti, idee, valori e talenti.

LA PRESENZA DI YORK CAPITAL

All’interno di questa iniziativa, è nato anche un master di marketing sportivo i cui docenti fanno capo anche ad alcune aziende internazionali e alcune società calcistiche, fra cui lo stesso Palermo. Ma fra i 21 relatori complessivi del progetto, uno in particolare spicca per curiosità, quello di Federico Oliva.

Il giovane manager, incoronato anche da Forbes per le sue capacità, rappresenta un’azienda nota sicuramente ai tifosi del Palermo, ovvero York Capital. L’hedge fund statunitense aveva trattato, nel maggio scorso, l’acquisto delle quote della ex U.S. Città di Palermo dalle mani di Rino Foschi e Daniela De Angeli.

La trattativa, così come tutte le altre del periodo, naufragò in un mare di promesse, lasciando libera la strada all’evento del gruppo di Arkus. Il fondo non è insolito a trattative e due diligence con società calcistiche. York Capital ha trattato anche le quote della Sampdoria, oltre ad essere stato accostata ai lavori di costruzione del nuovo stadio della Roma (ma a tal proposito la società americana ha categoricamente smentito).

Una situazione paradossale, nella quale il fondo americano che trattò le quote del vecchio titolo sportivo del Palermo, prima del fallimento, si ritrova adesso a collaborare in un progetto della società rappresentativa del calcio in città.

Dall’organizzazione fanno sapere che Federico Olivaè soltanto un relatore, uno dei 21 del progetto“.

Una cosa è certa. Un nome come quello di York Capital non passa di certo inosservato agli occhi della tifoseria rosanero, soprattutto in un momento nel quale i rapporti fra Dario Mirri e Tony Di Piazza non vanno per il meglio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.