A1 maschile Tennis ai play out sarà Ct Palermo – Tc Sinalunga | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Gara d’andata domenica 26 novembre in Toscana

A1 maschile Tennis ai play out sarà Ct Palermo – Tc Sinalunga

22 Novembre 2017

Con l’augurio che ci sia un pubblico numeroso a sostenere i nostri ragazzi nella partita di ritorno al Circolo del Tennis di via del Fante un augurio di in bocca al lupo anche da parte nostra per la gara di andata-
Saranno i toscani del Tc Sinalunga a sfidare il Ct Palermo nel doppio confronto che mette in palio la permanenza nel campionato di A1 maschile.
Il sorteggio si è svolto oggi a Roma.
La sfida d’andata avrà luogo domenica 26 novembre a Siena, mente il match di ritorno è in programma sabato 2 dicembre in viale del Fante. L’auspicio da parte della dirigenza e dei giocatori del team siciliano è che questo fattore possa essere decisivo.
Si giocherà sabato e non come di consueto domenica poiché anche il Tc2 disputerà la gara di ritorno a Palermo. Ma in questo caso si giocherà giorno 3.
I toscani del Sinalunga annoverano in rosa come elementi di maggiore calibro lo slovacco Jozef Kovalik, 136 Atp e Pietro Licciardi, numero 578.
Va detto tuttavia che il forte tennista slovacco è stato impiegato in una sola circostanza, vale a dire domenica scorsa nel confronto contro Maglie.
Qualora dovesse esserci, se la vedrà con il numero 1 del Ct Palermo, ovvero Salvatore Caruso. Una partita dagli alti contenuti tecnici.
Queste le dichiarazioni di Giovanni Valenza, uno dei due capitani del team di vale del Fante:
“La squadra peggiore che ci poteva capitare, Kovalik e Licciardi sono molto competitivi. Inoltre a Siena troveremo un ambiente molto caldo. Tuttavia confido sul valore dei miei ragazzi e soprattutto sul fatto di giocare in casa la sfida di ritorno. Faremo di tutto per restare in A1”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.