A18, il Comitato bacchetta i Comuni: "Oggi adunata di politici, ieri dov'erano?" :ilSicilia.it
Messina

a breve nuovo incontro con Falcone

A18, il Comitato bacchetta i Comuni: “Oggi adunata di politici, ieri dov’erano?”

di
1 Marzo 2019

A breve incontreremo nuovamente l’assessore Falcone, che verrà nuovamente qui a fare il punto della situazione. La nostra battaglia per rendere la A18 più sicura continua, quello che lascia perplessi e fa rabbia è vedere che la politica nei vari Comuni della zona si sia svegliata soltanto ora. Dov’erano tutti questi amministratori tre anni fa quando protestavamo da soli?”. Lo afferma Francesco Puglisi, uno dei cittadini che attraverso l’impegno di appositi comitati si sta battendo da tempo per la sistemazione dell’autostrada A18 Messina-Catania.

Puglisi è stato a lungo protagonista nel gruppo social A18 e A20 Le autostrade della vergogna“, e adesso è alla guida del comitato “Maxi protesta per le condizioni dellA18eA20”, proseguendo il suo impegno per sollecitare una svolta nell’emergenza riguardante la Messina-Catania. E lo stesso Puglisi annuncia ora un nuovo confronto con l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone.

Francesco Puglisi con Nello Musumeci
Francesco Puglisi con Nello Musumeci

“Dopo il recente incontro che abbiamo avuto con lui e con il presidente Musumeci a Palermo – spiega Puglisi -, quanto prima avremo un nuovo confronto con l’assessore Falcone, che sta mostrando apprezzabile disponibilità e verrà qui sui luoghi per aggiornarci sullo stato delle cose. Abbiamo sospeso la nostra manifestazione di protesta ma non abbassiamo la guardia e non molliamo. Stiamo seguendo con attenzione la vicenda, pronti a riprogrammare quella protesta se gli impegni non verranno rispettati. Dobbiamo però dare un minimo di tempo per constatare se la situazione si sbloccherà e se quindi ci sarà un miglioramento effettivo delle condizioni dell’autostrada. Abbiamo richiesto un crono-programma ed è già stata predisposta una prima parte con le gare e le date, a ciò si aggiungeranno le previsioni per le altre opere man mano che verranno espletate”.

Intanto fa rabbia vedere l’adunata dei politici e delle varie Amministrazioni della zona ionica che sino a poco tempo fa assistevano a braccia conserte a questa emergenza – evidenzia Puglisi -. Se noi siamo in prima linea è per demerito loro, certamente non per nostra smania di protagonismo. La politica era al balcone e ora che si è giunti ad un punto di non ritorno si è svegliata. Oggi tutti i paladini della giustizia cercano di rimediare alla totale assenza degli anni passati, quando forse durante lo scempio delle nostre autostrade avevano altro a cui pensare. A Sant’Alessio si vorrebbe persino declassare l’A18 per risolvere non si sa cosa, il Consiglio di Taormina ha votato un odg, all’improvviso si muovono anche Giardini, Castelmola, Letojanni e varie associazioni. Ma tutti questi “eroi” che cavalcano l’onda dov’erano tre anni fa? Noi abbiamo dimostrato che da semplici cittadini possiamo fare più di quello che promette la politica dai palchi elettorali. Non permetteremo a nessuno di sporcare con i colori politici una battaglia che porteremo a compimento con la nostra onestà intellettuale per il bene dei tanti cittadini che ogni giorno rischiano la vita nel percorrere la A18. Chi crede di cogliere in questa vicenda un’opportunità per trarne visibilità è meglio che torni in letargo. Noi preferiamo i fatti alle parole e continuiamo a vigilare”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin