L'abbigliamento anti-sorveglianza mira a nascondere il volto di chi lo indossa | Connessioni :ilSicilia.it

L'uso di software per il riconoscimento facciale a scopi economici è diventata una pratica comune

L’abbigliamento anti-sorveglianza mira a nascondere il volto di chi lo indossa

di
7 Gennaio 2017
L’uso di software per il riconoscimento facciale a scopi economici è diventata, oggi, una pratica comune. Ad esempio Amazon scansiona il viso di coloro i quali entrano all’interno del suo negozio fisico e Facebook lo utilizza per aggiungere possibili tag alle foto.
Un artista ed ingegnere tedesco, Adam Harvey, vuole però confondere tali sistemi presentando loro migliaia di volti diversi in modo che il software non riesca a decidere quale sia quello vero, proteggendo la privacy del soggetto.

Il progetto è chiamato Hyperface e mira a confondere i programmi tramite l’abbigliamento indossato dal soggetto, su cui vengono stampati dei motivi che ricordano occhi, bocche o altri elementi del volto, in modo da non permettere un riconoscimento preciso di chi lo indossa.

Non è la prima volta che Harvey realizza un progetto simile. Precedentemente aveva dato vita a CV Dazzle, in cui aveva provato ad utilizzare particolari makeup e acconciature che rendessero impossibile il riconoscimento da parte del computer.

In un intervento alla Chaos Communication Congress, conferenza tenuta ad Amburgo, l’artista ha detto che l’obiettivo non era semplicemente camuffare la persona ma anche la “base”, le cose che appaiono di contorno al volto della persona, “in modo da sovraccaricare l’algoritmo di riconoscimento con ciò che si vuole”.

Nel corso del mese di gennaio saranno rivelati maggiori dettagli sul progetto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin