21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.23
Palermo

i fatti risalgono al 2012

Abusi sessuali sulla paziente, medico palermitano finisce in carcere

14 Aprile 2019

La polizia ha eseguito un’ordinanza di carcerazione nei confronti di un dentista palermitano condannato a 2 anni e 6 mesi, con la pena accessoria della sospensione dall’esercizio della professione medica lo stesso periodo.

Le indagini, svolte dalla squadra mobile di Palermo, risalgono al 2012 quando una donna aveva chiesto l’intervento della polizia perché era stata molestata dal medico in cui si trovava per una cura.

La vittima, in lacrime e scossa, aveva raccontato delle molestie sessuali che aveva subito quel giorno e nelle settimane precedenti.

La ragazza aveva già avuto dubbi sulla professionalità del medico chiamando in precedenza il 113 ma poi non aveva presentato alcuna denuncia.

Gli investigatori, su delega del sostituto procuratore Alessia Sinatra, avevano ascoltato il fidanzato e una parente della ragazza, acquisito l’audio delle telefonate che la vittima aveva fatto alla centrale operativa della questura e sentito pure la psicologa alla quale la vittima si era rivolta.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.