Abusivismo a Mondello: condannati dirigenti del Comune. "Faremo appello", Orlando: "Danno d'immagine" :ilSicilia.it
Palermo

Disposta anche confisca terreni in via Miseno

Abusivismo a Mondello: condannati dirigenti del Comune. “Faremo appello”, Orlando: “Danno d’immagine”

di
22 Marzo 2018

PALERMO – La terza sezione del Tribunale di Palermo, presieduta da Marina Petruzzella, ha condannato 21 imputati tra imprenditori, dirigenti e tecnici comunali accusati a vario titolo di lottizzazione abusiva, violazione delle norme ambientali e abuso d’ufficio. I giudici hanno anche disposto la confisca dei terreni e dei manufatti abusivi.

Il processo nasce da un’indagine su una lottizzazione in via Miseno, nella borgata marinaro di Mondello. Sotto inchiesta sono finiti l’ex tecnico comunale Mario Li Castri e Giuseppe Monteleone, funzionario all’Edilizia privata. Entrambi condannati a due anni. Le case da loro acquistate in fase di costruzione dal proprietario del terreno, anche lui indagato, sarebbero state edificate in violazione delle norme a tutela delle zone vincolate: invece di aspettare l’approvazione del Piano particolareggiato da parte del Consiglio comunale, avrebbero scelto la strada più breve del Piano planovolumetrico. I proprietari delle abitazioni hanno sostenuto la tesi difensiva dell’“acquirente in buona fede”: avrebbero comprato le villette ignorando l’iter seguito per la lottizzazione.

Il giudice ha condannato a due anni anche il costruttore che realizzò le case, Paride Tagliareni; il progettista delle villette, Giuseppe Tagliareni; il notaio Santo Di Gati. Un anno e otto mesi (pena sospesa) per Loredana Maria Velardi (moglie di Li Castri) e Paola Avellone ; un anno e tre mesi (pena sospesa) per Angela Corso, Cristiana Fabozzi, Maria Vittoria Mirazzita, Graziano Magnanimi, Maria Concetta Fontana, Cristina Magnanimi, Francesca Vullo, Morena e Armida Perna, Concetta Ravalli, Salvatore Di Piazza; tre anni per Giuseppe Orantelli, Salvatore Lupo e Lucietta Accordino, responsabile del settore edilizia privata. Le indagini sono scattate dopo un controllo dei vigili urbani.

Il Comune era parte civile nel processo per “danno d’immagine”, assieme all’associazione Codici Onlus. Il giudice ha assegnato al Comune una provvisionale di 500 mila euro. 

Orlando pensierosoEcco la nota del sindaco Orlando: «Con riferimento alla sentenza di primo grado emessa oggi dal Tribunale di Palermo in danno di alcuni dipendenti comunali la vicenda di una lottizzazione avvenuta nel 2005, il Sindaco, ha preso atto del provvedimento che ha tra l’altro riconosciuto una provvisionale in favore dell’Amministrazione comunale che si era costituita Parte Civile. Il Sindaco ha quindi dato mandato al Segretario Generale, al Capo dell’Avvocatura e al Capo di Gabinetto di acquisire tutti gli elementi di informazione necessari e procedere quindi a relazionare ed eventualmente proporre gli atti conseguenti per quanto di competenza dell’Amministrazione».
Mario Li Castri
Mario Li Castri

«Prendiamo atto della sentenza che appelleremo – spiega l’avvocato Marcello Montalbano, che difende Li Castri e la moglie – esprimeremo le nostre valutazioni solo dopo averne letto le motivazioni. Tuttavia, non possiamo non rilevare come i provvedimenti amministrativi che hanno consentito la realizzazione degli appartamenti di Via Miseno, ritenuti illegittimi dal Tribunale, sono ad oggi efficaci e non sono mai stati annullati né dall’autorità amministrativa né dal giudice amministrativo e sono gli stessi in virtù dei quali sono stati realizzati centinaia di edifici nell’intera città di Palermo».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.