7 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.57
Catania

L'ennesima tegola che investe l'emergenza rifiuti in Sicilia

Abusivismo nella discarica Oikos, il comune di Motta invia una relazione alla Regione

20 Luglio 2019

Gli uffici tecnici del comune di Motta San Anastasia (CT) danno parere negativo al rinnovo dell’Aia per la discarica Oikos. Adesso sarà la Regione Siciliana a decidere il da farsi.

Ma l’assessorato all’Energia vuole vederci chiaro e chiede ai tecnici del comune il perché il comune di Motta si è messo di traverso rispetto alla discarica e chiede una relazione dettagliata. E la nota, datata i primi di luglio arriva dritta e veloce sulla scrivania dell’assessore Pierobon.

Stando a quanto si legge, sembrerebbe che parte della discarica sia stata realizzata al di fuori dell’area autorizzata dalla Regione con DRS 221/2009, in terreni non di proprietà dell’Oikos.

Dicono dal comitato “No Discarica di Motta San Anastasia”: «Questo prefigurerebbe non solo un abuso edilizio, ma anche un mostruoso danno ambientale. Pertanto chiediamo alla Regione di respingere la nuova richiesta di Aia da parte della Oikos e di procedere con l’immediata chiusura del sito».

L’ennesima tegola che investe l’emergenza rifiuti in Sicilia e soprattutto la situazione dell’Oikos. Proprio giorni fa è arrivata la condanna per corruzione a sei anni per Domenico Proto, il re dei rifiuti del catanese ed ex presidente di Oikos.

Il Ras della monnezza era imputato insieme al funzionario regionale Gianfranco Cannova in servizio all’assessorato regionale al Territorio ed Ambiente.

Proprio Gianfranco Cannova, come emerso durante le intercettazioni fatte dalla Squadra Mobile, veniva chiamato “jukebox“. “A questo qua – diceva uno degli imputati – gli ficchi una moneta e parla in funzione di quello che gli conviene”.

rifiuti discaricaI giudici della terza sezione penale hanno inflitto al burocrate palermitano una pena pari a 9 anni; 6 anni al catanese Domenico Proto, 4 anni ai fratelli agrigentini Nicolò e Calogero Sodano e all’imprenditore piemontese Giuseppe Antonioli.

Cannova sarebbe stato a servizio di Proto in cambio di viaggi. Tra il 2008 e il 2012 a spese di Oikos avrebbe soggiornato con i suoi familiari una ventina di volte in hotel del catanese. Ma i viaggi non finiscono qui.

Gli arresti risalgono esattamente a 5 anni fa con l’operazione “Terra mia”. Gli investigatori, coordinati dalla Procura, misero gli occhi su un presunto giro di mazzette che sarebbero state elargite dagli imprenditori attivi nel settore dello smaltimento di rifiuti. Tra autorizzazioni, collaudi e il resto delle trafile burocratiche i quattro sarebbero riusciti a ottenere una corsia preferenziale grazie a un vortice di corruzione che avrebbe trasformato il funzionario regionale – secondo quanto ricostruito dai magistrati – in un “consulente tecnico” al soldo dei privati.

A fornire un contributo fondamentale per l’avvio delle indagini e per bloccare i faraonici progetti sull’allargamento delle discariche, alcuni comitati civici e pochi amministratori pubblici che hanno deciso di opporsi e denunciare quanto stava per accadere per evitare che gli impianti arrivassero a meno di 500 metri dai comuni abitati.

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.