Abusivismo nella Valle dei Templi, sequestri di più strutture: un indagato :ilSicilia.it
Agrigento

per la tutela del patrimonio artistico

Abusivismo nella Valle dei Templi, sequestri di più strutture: un indagato

di
24 Maggio 2021

Gazebi, strutture chiuse, un patio, una cisterna idrica, ma anche uno scivolo per disabili. I carabinieri per la Tutela del patrimonio culturale, assieme ai militari della compagnia di Agrigento, hanno sequestrato più strutture abusive all’interno del Parco della Valle dei Templi. E lo hanno fatto in esecuzione di un provvedimento del gip del tribunale di Agrigento su richiesta della Procura.

Un’indagine avviata – nell’ambito della campagna “Tutela del patrimonio paesaggistico e dei siti archeologici marini” – nell’ottobre del 2019 che ha permesso d’accertare che non era stata concessa alcuna autorizzazione dalla Soprintendenza per i beni archeologici, né dal Parco per le opere realizzate sulla struttura originaria “Case Valenti” della Valle dei Templi.

Il provvedimento di sequestro preventivo attesta il concreto pericolo che “la libera disponibilità di quanto sopra indicato possa aggravare o protrarre le conseguenze dei reati ipotizzati, in quanto vi è il rischio che l’uso delle res approfondisca ed aggravi la lesione dei beni giuridici protetti“, così scrive il gip del tribunale di Agrigento nella motivazione del decreto eseguito dai carabinieri del nucleo Tpc di Palermo. Iscritto nel registro degli indagati il legale rappresentante della società che gestisce il punto di ristoro, al quale vengono contestati i reati di abusivismo edilizio, opere illecite, uso illecito e opere eseguite in assenza di autorizzazione o in difformità di essa.

«Se qualcuno pensava di spostare le lancette indietro di qualche decennio, quando le opere abusive passavano inosservate, si è sbagliato di grosso. Ringraziamo il Nucleo per la Tutela del patrimonio culturale e tutta l’Arma dei carabinieri per l’incessante azione di contrasto dell’illegalità e dell’abusivismo». Lo dichiara l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, in merito al sequestro delle strutture abusive all’interno del Parco della Valle dei Templi di Agrigento, su provvedimento del gip.

«Ho personalmente telefonato al comandante Gianluigi Marmora del Nucleo per la Tutela del patrimonio culturale per esprimergli il sostegno di tutto il governo Musumeci – aggiunge Samonà – Da tempo è in corso in tutta la Sicilia una sempre più proficua collaborazione tra l’assessorato dei Beni culturali, le Soprintendenze e i carabinieri del Nucleo per la Tutela patrimonio culturale per prevenire e reprimere le azioni di illegalità».

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin