Abuso d'ufficio: indagati il sindaco di Milazzo e una parte della Giunta :ilSicilia.it
Messina

Contestate due delibere approvate nel 2016

Abuso d’ufficio: indagati il sindaco di Milazzo e una parte della Giunta

8 Maggio 2019

Sono stati notificati, nel palazzo municipale, dai poliziotti della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto, avvisi di garanzia al sindaco Giovanni Formica e ai componenti della giunta, fatta eccezione per gli assessori Piera Trimboli e Giovanni Di Bella assenti nella seduta “incriminata”.

Gli assessori destinatari del provvedimento sono Damiano Maisano, Carmelo Torre, Salvatore Presti e Francesco Italiano.

La Procura contesta loro il reato di abuso d’ufficio in riferimento a due due delibere approvate nel giungo 2016. La prima riguarda la revoca dell’incarico di ragioniere generale al dipendente Michele Bucalo (assunto dopo aver vinto il concorso per quel ruolo); la seconda l’approvazione della pianta organica con il posto vacante del ragioniere generale, carica assunta successivamente da un esterno.

Il sindaco, al momento, preferisce non rilasciare alcuna dichiarazione, limitandosi a confermare la notifica dell’avviso di garanzia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.