“Accoglienza sicura Madonie CoVID-Free”: un progetto a misura di turista :ilSicilia.it
Palermo

Un territorio tutto da scoprire

“Accoglienza sicura Madonie CoVID-Free”: un progetto a misura di turista

di
3 Giugno 2020

Le Madonie sono luogo di malìa, ricco di storia, arte, bellezze paesaggistiche, tradizioni culturali e culinarie, uno scrigno prezioso dalla forte identità espressa e siglata, il primo giugno appena trascorso, dal Patto Territoriale “Accoglienza sicura Madonie CoVID-Free, per poter garantire gli ospiti e i turisti. Questo importante progetto nasce per mettere in risalto come la “pandemia” non abbia toccato questa realtà che, a oggi, risulta essere “sana” e pronta ad essere vissuta e goduta.

Il Patto sottoscritto da quattro soggetti, tra cui il Consorzio Turistico “Cefalù-Madonie-Himera”, rappresentato dal Presidente Francesco Dolce, l’Unione dei Comuni “Madonie”, rappresentato dal Presidente Pietro Macaluso, il GAL ISC Madonie dal Presidente Santo Inguaggiato, l’Agenzia di Sviluppo SO.SVI.MA Spa, che è anche soggetto rappresentato dal Distretto Turistico “Cefalù e parchi delle Madonie di Himera”, nonché Coordinatore Tecnico dell’Area Interna delle Madonie con il suo Amministratore Unico Alessandro Ficile, ha l’obiettivo di creare un “Brand Madonie”, in realtà da sempre in nuce.

Francesco Dolce, Presidente del Consorzio Turistico “Cefalù-Madonie-Himera“, con chiarezza ha dichiarato che “si riparte dalle peculiarità di un territorio dalle tantissime attrattive, in un momento di emergenza, che lo ha visto con zero casi di Covid-19, cosa che permette un nuovo inizio, una ripartenza, i cui semi erano stati già piantati nel 2001.  Gli attori di questo Patto, di cui faccio orgogliosamente parte, vogliono essere soprattutto “registi”, avendo una conoscenza e una visione ad ampio raggio. La nostra missione è quella di promuovere una zona che ha tantissimo da offrire ed è scoperta continua“.

Sinergia assoluta, quindi, tra l’Unione dei Comuni “Madonie” e le aziende operanti nella filiera Turistico-ricettiva che, accomunati dalla stesso sguardo attento e fiducioso, in quanto fattivo, sul futuro del territorio che custodisce chiese meravigliose, panorami mozzafiato, vicoli e cortili suggestivi, sentieri che si inerpicano in passeggiate indimenticabili, vi attendono con la loro “Accoglienza sicura Madonie CoVID-Free”.

Chiudiamo con Leonardo Sciascia che a proposito della nostra isola, e il meraviglioso territorio madonita si inscrive perfettamente in questa definizione, affermava: “L’intera Sicilia è una dimensione fantastica. Come si fa a viverci senza immaginazione?”

Il motto che speriamo diventi virale è: “R-Estate in Sicilia”.

 

 

 

[Le bellissime foto ci sono state concesse da Giovanni Nicolosi]

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin