Accordo Ue-Cina su Dop e Igp. Ma si dimenticano della Sicilia :ilSicilia.it

Assenti molti prodotti dell'Isola

Accordo Ue-Cina su Dop e Igp. Ma si dimenticano della Sicilia

7 Novembre 2019

Non c’è nessun prodotto siciliano tra i cento europei e i 24 italiani oggetto dell’accordo bilaterale che tutelerà le indicazioni geografiche protette europee in Cina e altrettante Igp cinesi in Europa.

Oltre un quarto delle Igp europee tutelate dall’intesa tra Pechino e Bruxelles sono italiane: tra queste, il Barolo, il parmigiano reggiano e il grana padano, il gorgonzola, la mozzarella di bufala campana, il prosciutto di Parma e quello di San Daniele, il taleggio, la bresaola della Valtellina, l’aceto balsamico di Modena, il prosecco e il Chianti, tutte indicate con la traduzione cinese, in ideogrammi. Nell’Ue, in cambio saranno protette 100 Igp cinesi.

Assenti, però, i prodotti siciliani. Mancano, infatti, specialità quali le arance rosse di Sicilia, i pomodori di Pachino, il pistacchio di Bronte o il vino Marsala. Secodno alcuni europarlamentari c’è la possibilità che queste prelibatezze possano essere oggetto di accordi futuri con la Cina. Per il momento, però, la Sicilia resta furoi dall’accordo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.