Accorinti: "Ecco la verità sui derivati con Bnl e Dexia al Comune di Messina" :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Messina

Il sindaco spiega perché ha presentato un esposto

Accorinti: “Ecco la verità sui derivati con Bnl e Dexia al Comune di Messina”

di
8 Febbraio 2018

La discussa vicenda dei derivati finanziari in primo piano a Palazzo Zanca. Il sindaco di Messina, Renato Accorinti, e l’assessore allo Sviluppo Economico, Guido Signorino, insieme all’esperto per la consulenza in materia di contabilità e servizi finanziari, Giuseppe Cannizzaro, nel corso di una conferenza stampa oggi a Palazzo Zanca, hanno affrontato le problematiche relative ai cosiddetti “derivati“, illustrando le attività intraprese dall’Amministrazione comunale in carica, per la risoluzione della situazione debitoria con Dexia Crediop.

Dal 2003 al 2005hanno evidenziato Accorinti, Signorino e Cannizzaro – il Comune di Messina ha svolto un’intensa attività in derivati con la Banca Nazionale del Lavoro. Nel 2007, su incarico del Comune, è entrata in scena la Banca Dexia in qualità di consulente. Dexia effettuava una valutazione dei contratti all’epoca in essere che definiva molto rischiosi in quanto il Mark to Market (totale pagamenti futuri previsti) risultava pari a -21,6 milioni di euro. La stessa Banca ha proposto come soluzione una radicale rinegoziazione alla quale essa stessa avrebbe partecipato per il 55 per cento del nozionale complessivo, come controparte insieme a BNL. A seguito della ristrutturazione proposta da Dexia, il Comune ha eliminato dalla propria sfera economica il danno teorico e potenziale (“Mark to Market”) dei vecchi contratti, pari a € 21.600.000, per acquisire un danno certo pari ad un importo compreso tra un minimo di circa 30 milioni di euro e un massimo di circa 76 milioni”.

Le motivazioni di “copertura” utilizzate (fin dal 2003) a giustificazione della proposta di ristrutturazione sono prive di ogni riscontro – continuano Accorinti, Signorino e Cannizzaro sempre sulla questione dei derivati– in quanto l’Ente, non detenendo passività a tasso variabile, non sopportava alcun rischio relativo all’andamento dei tassi d’interesse. La definizione di “Interest rate swap” assegnata ai contratti in questione non è veritiera: uno swap prevede che i flussi siano bilaterali (dal Comune alla banca e viceversa), mentre nel nostro caso il Comune non poteva ricevere nulla, in nessuna condizione di mercato. Situazione flussi Contratto I.R.S. in essere Comune di Messina/Dexia: flussi corrisposti -€ 4.215.867,24 fino al 30/06/2011; flussi dovuti non corrisposti -€ 5.758.154,19 fino al 30/06/2017; flussi futuri -€ 6.616.802,27 dal 31/12/2017; stima danno contratto Dexia -€ 16.590.823,70″. “Per tutte queste ragioni – ha detto Accorinti – abbiamo presentato un esposto in Procura, sottoponendo tali elementi alla loro valutazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti