Aci Trezza festeggia il patrono San Giovanni Battista :ilSicilia.it
Catania

Il 24 e il 25 giugno

Aci Trezza festeggia il patrono San Giovanni Battista

di
23 Giugno 2019

Lunedì 24 e martedì 25 giugno, per il Borgo marinaro di Aci Trezza (CT), saranno due giorni di grande festa. Il paese celebra ancora una volta, come avviene dal 1750, il suo Patrono San Giovanni Battista, con l’attesa dei trezzoti giunta ai massimi livelli, per rivedere l’antico simulacro che verrà svelato alle 10 nella Chiesa Madre.

Subito dopo, il vescovo di Acireale, Monsignor Antonino Raspanti, presiederà il solenne pontificale, animato dal coro parrocchiale “Te Deum laudamus” diretto da Marisa Hili, con la partecipazione delle Autorità Civili e Militari, nonché della Commissione dei festeggiamenti.

Alle 17, dal quartiere “Barriera” (casa “Cantoniera”, lato nord di Aci Trezza), prenderà avvio la tradizionale pantomima U pisci a mari, Bene Immateriale riconosciuto dalla Regione Siciliana, che raggiungerà lo specchio acqueo antistante lo Scalo di alaggio, dove troverà la sua singolare conclusione nel tripudio generale del pubblico presente.

entrata san giovanni battista Aci Trezza

La processione del simulacro, per le vie a sud del suggestivo borgo, avrà inizio, invece, alle 19 dopo la trionfale uscita e la reposizione sul fercolo che sarà accompagnato da una moltitudine di fedeli e dal corpo bandistico “Città di Zafferana Etnea” diretto dal Maestro Daniele Di Vendra.

In serata, prima del rientro del corteo e della spettacolare “corsa della vara” in piazza Giovanni Verga ci sarà il concerto del complesso bandistico “Città di San Gregorio di Catania” diretto dal Maestro Giuseppe Scavo.

L’indomani per la popolazione trezzota sarà la giornata dedicata alla devozione, con la Santa Messa presieduta dal Vicario Generale della Diocesi di Acireale Monsignor Giovanni Mammino e animata dalla Confraternita San Giovanni Battista. Nel pomeriggio, alle 18, la Commissione festeggiamenti accoglierà in piazza delle Scuole i fedeli provenienti da San Giovanni Galermo che al termine della nuova uscita del simulacro, che avverrà alle 19, porgeranno un omaggio floreale. Il giro del Santo, poi, seguito dal corpo bandistico “Maestro Giulio Virgillito – città di Catania” diretto dal Maestro Giuseppe Virgillito, proseguirà per le vie a nord del paese e sosterà brevemente in via Scalazza, all’interno della Chiesa parrocchiale Santa Maria la Nova per un momento di preghiera.

Intorno alle 23, infine, il consueto artistico spettacolo pirotecnico e la spettacolare “corsa della vara” in salita faranno da prologo al rientro del simulacro che verrà chiuso nella sua “cammaredda” tra le invocazioni dei devoti. Durante la festa particolarmente seguite saranno anche le “Calate dell’angelo” che si terranno alle 20.30 il 24 in via Dietro Chiesa, angolo via Serbatoio, e il 25 in via provinciale angolo via Ricca, mentre nella piazza accanto la chiesa ci sarà il maxischermo, realizzato grazie al contributo di alcuni sponsor, che, grazie alla collaborazione tra la Commissione festeggiamenti ed il Centro Studi Aci Trezza, sarà collegata alla diretta web (su www.festasangiovanni.it – Commissione Festeggiamenti San Giovanni Battista – Acitrezza), e consentirà alle migliaia di visitatori presenti di assistere ai momenti salienti dei festeggiamenti e apprezzare filmati storici e contributi video.

Le foto, i video ed i commenti riguardanti la grande festa trezzota, potranno anche essere condivisi sui principali social network utilizzando l’ormai consueto hashtag #SanGiovanniAcitrezza.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.