Acqua maleodorante e giallastra, a Caccamo è allarme :ilSicilia.it
Palermo

Riscontrati parametri di manganese in concentrazione superiore ai limiti

Acqua maleodorante e giallastra, a Caccamo è allarme

12 Aprile 2017

Dal mese di settembre 2017 dai rubinetti di scuole e abitazioni di Caccamo in provincia di Palermo viene erogata acqua di colore giallastro e maleodorante. Dopo ripetute richieste d’intervento, rimaste inascoltate, i cittadini si sono rivolti all’associazione a difesa dei consumatori Adusbef che ha predisposto, per il tramite del proprio ufficio legale, un esposto diretto alla Procura della Repubblica di Termini Imerese per denunciare la vicenda. A partire dal mese di Settembre 2016, infatti, i cittadini di Caccamo, riuniti in un comitato civico, hanno richiesto formali spiegazioni a “Siciliacque Spa” – società che provvede alla distribuzione delle acque potabili della Regione Siciliana – che ha rassicurato la popolazione garantendo che il fenomeno, definito dagli stessi tecnici “anomalo e inspiegabile”, sarebbe stato risolto entro le 48 ore successive.

Ma dallo scorso mese di settembre ad oggi la situazione d’emergenza è rimasta pressoché invariata. Infatti i cittadini, in assenza di risposte concrete da parte di “Siciliacque Spa”, si sono rivolti all’Asp di Palermo per richiedere l’analisi in laboratorio sulla qualità delle acque erogate. Dall’esame espletato dal Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Palermo, emergeva la presenza di “parametri di manganese in concentrazione superiore ai limiti”. Per questi motivi il Sindaco di Caccamo, il 30 settembre scorso emanava ordinanza “di non potabilità dell’acqua”, in pratica, quindi, vietando l’utilizzo delle acque erogate nel territorio di Caccamo. Tuttavia, trascorsi appena dieci giorni, la stessa Amministrazione comunale, ritenendo che il valore delle acque distribuite nel proprio territorio poteva “essere considerata idonea per il consumo umano”, revocava la precedente ordinanza.

Ma nonostante la revoca dell’ordinanza che vietava l’utilizzo delle acque e le rassicurazioni offerte dagli enti competenti “continuava a manifestarsi il fastidioso e preoccupante fenomeno della colorazione giallastra dell’acqua”, come lamentato dagli stessi cittadini di Caccamo che si sono rivolti allo sportello di Adusbef – Delegazione Provincia Palermo – per richiedere l’intervento della storica associazione nazionale. “Abbiamo deciso di dare voce alla collettività, le cui doglianze, che riguardano l’acqua, bene pubblico per eccellenza, sono rimaste per troppo tempo inascoltate. – spiega Giorgio Panzeca, Delegato Nazionale Adusbef e Responsabile Delegazione Provincia di Palermo – Per risolvere definitivamente la vicenda – prosegue Panzeca – abbiamo già avviato una raccolta firme per la presentazione di un atto di esposto alla Procura della Repubblica di Termini Imerese al fine di risolvere, una volta per tutte, questa paradossale vicenda”.

Ad oggi sono oltre 240 i cittadini che si sono rivolti ad Adusbef per sottoscrivere l’esposto e per richiedere un intervento immediato da parte della Procura della Repubblica. “In appena due giorni, abbiamo già raccolto oltre 200 firme presso il nostro sportello di Caccamo – aggiunge Giorgio Panzeca – contiamo di raggiungere una buona fetta della popolazione che da mesi è costretta a lavarsi e ad utilizzare esclusivamente acqua in bottiglia con tutte le conseguenze del caso”. Infatti, dalle ultime analisi effettuate nel laboratorio “S.I.T.A.” di Termini Imerese, su richiesta del Consiglio comunale di Caccamo, è emersa – dal campione analizzato il 25 gennaio scorso – “la presenza di TRIALOMETANTI pari a 109,7 mentre il valore limite consentito per legge è pari a 30”.

“I trialometani sono molto pericolosi per l’organismo – chiarisce Panzeca – perché possono essere facilmente ingeriti con il consumo di acqua, per contatto fisico e anche per inalazione e sono sostante tossiche e cancerogene”. Anche per questi motivi appare necessario un intervento immediato dell’Autorità Pubblica, considerato, inoltre, che dal mese di febbraio scorso ad oggi continua a fuoriuscire dai rubinetti acqua di colore giallo ocra: “Nessuno ormai – dichiarano i cittadini di Caccamo in una nota – ha il coraggio nemmeno di lavarsi in quest’acqua, figuriamoci se la usiamo per cucinare o bere. Solo a guardarla temiamo che possa fare male a noi e soprattutto ai nostri figli”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona