Acquacoltura, nessuna minaccia per la pesca praticata da marinerie siciliane CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

al festival di Mazara del Vallo

Acquacoltura, nessuna minaccia per la pesca praticata da marinerie siciliane CLICCA PER IL VIDEO

di
2 Novembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Si è conclusa la decima edizione di Blue Sea Land 2021 a Mazara del Vallo, un’occasione importante per affrontare il tema del futuro della pesca del Mediterraneo, rispetto anche alle nuove sfide proposte dall’Unione Europea.

E oggi, i fondi comunitari a disposizione della pesca promuovono gli investimenti anche nel comparto dell’acquacoltura, l’allevamento di organismi acquatici, principalmente pesci, crostacei e molluschi.  Nel contesto odierno, l’acquicoltura costituisce un settore economico molto importante della produzione alimentare: tra i prodotti da acquacoltura più diffusi, troviamo il salmone, la tilapia, il pangasio, la carpa, il pesce latte, la trota iridea, l’orata, il branzino o spigola.

Ma l’acquacoltura non può assolutamente considerarsi un settore in concorrenza con la pesca praticata dalle marinerie siciliane nel Mediterraneo, nel corso del festival è stata sfatata ogni preoccupazione per chi pensa che essa possa essere una minaccia per la pesca. In Italia è certamente di qualità, anche se ci sono alcuni metodi di pesca e tipologia di pescato in mare che non sono sostituibili e tra questi c’è sicuramente il gambero rosso di Mazara del Vallo pescato in profondità, oggi apprezzato in tutto il mondo.

Ne abbiamo parlato con Alfonso Milano, il dirigente responsabile del servizio 2 Pesca e Acquacoltura del dipartimento pesca e Mediterraneo. “E’ una risorsa abbastanza trasversale, soprattutto se parliamo dell’approvvigionamento delle proteine blu nobili, perché gli stock ittici sono ormai in depauperamento, alcune specie, addirittura, sono in condizioni di irreversibilità e la politica europea è sempre più stringente sul prelievo. Quindi l’acquacoltura mondiale, e soprattutto mediterranea, avrà un ruolo preminente nel futuro, anche alla luce di ampie risorse da parte dell’Ue, gestirà almeno il 20% delle risorse mondiali”.

Gli aspetti positivi risiedono proprio nell’ambito di prospettive ambientali e di sostenibilità, la FAO indica l’acquacoltura come una fondamentale opportunità per fornire risorse alimentari alla popolazione mondiale, soprattutto per una maggiore diversificazione della dieta, non solo a beneficio dei paesi più poveri, ma anche per sostenere i consumi dei paesi occidentali, in considerazione della costante riduzione degli stock ittici naturali.

La vera concorrenza è rappresentata dall’importazione di pesce proveniente da Paesi lontani. Il pescato delle nostre marinerie non può certamente soddisfare l’intera domanda che proviene dal mercato e, quindi, l’acquacoltura rappresenta un ulteriore fonte di approvvigionamento garantito anche da controlli dell’intera filiera di produzione.

Altre peculiarità  dell’attività da acquacoltura sono la rintracciabilità e la sicurezza alimentare del pesce, perché “la tracciabilità ci consente di attestare la qualità del prodotto, – spiega Milano – non solo perché è monitorato, ma anche perché l’azione di pesca equivale alla macellazione e subito dopo alla conservabilità del pesce, garantendo la qualità dello stesso. Il prodotto di acquacoltura di qualità, e quello italiano lo è, soprattutto quello siciliano, è ricco dal punto di vista nutrizionale”.

Insomma, scansato il rischio di bioaccumulo di alcuni contaminanti ambientali quali i metalli pesanti, i PCB e le diossine, che tendono a concentrarsi attraverso la catena alimentare acquatica, particolarmente nelle specie ittiche bentoniche e pelagiche di grandi dimensioni quali ad esempio i tonni, i pesci spada, la rana pescatrice, alcuni squali e razze.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.