Acquacoltura: varato il Piano Regionale per l'anguilla | FOTO :ilSicilia.it
Messina

Era atteso da oltre 10 anni

Acquacoltura: varato il Piano Regionale per l’anguilla | FOTO

13 Agosto 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

È stato presentato dall’assessore regionale per la Pesca Mediterranea, Edy Bandiera, a Sinagra, nel messinese, in occasione del convegno nazionale in tema di pesca e acquacoltura, che ha visto coinvolto Ministero delle Politiche Agricole e a tutti gli operatori del settore, il “Piano Regionale per l’Anguilla“.

Atteso da oltre 10 anni è stato spiegato –, il piano rappresenta una straordinaria opportunità per lo sviluppo delle aree interne della Sicilia, che, attraverso il proficuo impiego dei fondi comunitari, possono incentivare lo sviluppo dell’acquacoltura, caratterizzata da risparmio energetico, sostenibilità ambientale e sicurezza alimentare, a testimonianza dell’impegno e dell’attenzione posta da parte del Governo Musumeci verso settori trainanti per l’economia e lo sviluppo dell’Isola. La Sicilia colma in tal modo un gap rispetto ad altre regioni italiane, che hanno presentato i propri piani regionali, rendendo possibile la pesca professionale dell’anguilla e di conseguenza le attività collaterali ad essa legate”. 

anguilleGrazie a tale piano sarà possibile sia la pesca professionale della specie che la realizzazione di impianti di allevamento, con risvolti economici importanti per via dell’elevata domanda da parte dei mercati, ha sottolineato l’assessore per la Pesca mediterranea, Edy Bandiera, che ha aggiunto: “La Sicilia potrà finalmente riappropiarsi di una tradizione storico culturale fortemente remunerativa in aree tradizionalmente vocate, in special modo quelle interne, con il conseguente vantaggio economico per gli agricoltori che potranno incrementare il proprio reddito, diversificando la loro attività”.

La redazione del piano prevede una fase di ricerca di dati storici di presenza e pesca della specie, dati dei bacini idrografici (regimentazione corsi fluviali, presenza sbarramenti), fasi di monitoraggio della risorsa sul campo ed elaborazione dei risultati ottenuti.

Apprezzamento da parte degli amministratori locali è stato espresso dal sindaco di Sinagra, Nino Musca: “Un passo fondamentale per riavviare un settore bloccato. La comunità sinagrese è davvero onorata di aver potuto recitare una parte da protagonista nel rilancio dell’anguilla, il cui significato per i sinagresi va oltre ogni importante denotazione economica. Ringraziamo il Governo regionale, in particolare l’assessore Edy Bandiera, costantemente presente sul nostro territorio, che, insieme ai dirigenti responsabili, ha mantenuto le promesse fatte, riconoscendo il ruolo storico e culturale che Sinagra e la sua fiumara hanno da sempre svolto relativamente al tema delle anguille. È un primo e necessario passo: la nostra comunità è pronta ad affrontare i successivi, insieme all’amministrazione regionale, nella riscoperta della nostra identità”.

 

(Foto Fb: Comune di Sinagra)

 

LEGGI ANCHE:

Fondi Europei: in Sicilia il Piano per l’allevamento delle anguille

Acquacoltura: nasce un allevamento di trote, storioni e anguille nell’entroterra siciliano

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.