Acquacoltura: varato il Piano Regionale per l'anguilla | FOTO :ilSicilia.it
Messina

Era atteso da oltre 10 anni

Acquacoltura: varato il Piano Regionale per l’anguilla | FOTO

13 Agosto 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

È stato presentato dall’assessore regionale per la Pesca Mediterranea, Edy Bandiera, a Sinagra, nel messinese, in occasione del convegno nazionale in tema di pesca e acquacoltura, che ha visto coinvolto Ministero delle Politiche Agricole e a tutti gli operatori del settore, il “Piano Regionale per l’Anguilla“.

Atteso da oltre 10 anni è stato spiegato –, il piano rappresenta una straordinaria opportunità per lo sviluppo delle aree interne della Sicilia, che, attraverso il proficuo impiego dei fondi comunitari, possono incentivare lo sviluppo dell’acquacoltura, caratterizzata da risparmio energetico, sostenibilità ambientale e sicurezza alimentare, a testimonianza dell’impegno e dell’attenzione posta da parte del Governo Musumeci verso settori trainanti per l’economia e lo sviluppo dell’Isola. La Sicilia colma in tal modo un gap rispetto ad altre regioni italiane, che hanno presentato i propri piani regionali, rendendo possibile la pesca professionale dell’anguilla e di conseguenza le attività collaterali ad essa legate”. 

anguilleGrazie a tale piano sarà possibile sia la pesca professionale della specie che la realizzazione di impianti di allevamento, con risvolti economici importanti per via dell’elevata domanda da parte dei mercati, ha sottolineato l’assessore per la Pesca mediterranea, Edy Bandiera, che ha aggiunto: “La Sicilia potrà finalmente riappropiarsi di una tradizione storico culturale fortemente remunerativa in aree tradizionalmente vocate, in special modo quelle interne, con il conseguente vantaggio economico per gli agricoltori che potranno incrementare il proprio reddito, diversificando la loro attività”.

La redazione del piano prevede una fase di ricerca di dati storici di presenza e pesca della specie, dati dei bacini idrografici (regimentazione corsi fluviali, presenza sbarramenti), fasi di monitoraggio della risorsa sul campo ed elaborazione dei risultati ottenuti.

Apprezzamento da parte degli amministratori locali è stato espresso dal sindaco di Sinagra, Nino Musca: “Un passo fondamentale per riavviare un settore bloccato. La comunità sinagrese è davvero onorata di aver potuto recitare una parte da protagonista nel rilancio dell’anguilla, il cui significato per i sinagresi va oltre ogni importante denotazione economica. Ringraziamo il Governo regionale, in particolare l’assessore Edy Bandiera, costantemente presente sul nostro territorio, che, insieme ai dirigenti responsabili, ha mantenuto le promesse fatte, riconoscendo il ruolo storico e culturale che Sinagra e la sua fiumara hanno da sempre svolto relativamente al tema delle anguille. È un primo e necessario passo: la nostra comunità è pronta ad affrontare i successivi, insieme all’amministrazione regionale, nella riscoperta della nostra identità”.

 

(Foto Fb: Comune di Sinagra)

 

LEGGI ANCHE:

Fondi Europei: in Sicilia il Piano per l’allevamento delle anguille

Acquacoltura: nasce un allevamento di trote, storioni e anguille nell’entroterra siciliano

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.