Acquazzone a Palermo, al Policlinico pazienti costretti a lasciare le stanze | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Palermo

La testimonianza

Acquazzone a Palermo, al Policlinico pazienti costretti a lasciare le stanze | FOTOGALLERY

di
15 Luglio 2020

L’acquazzone che ha colpito Palermo ha avuto conseguenze non indifferenti al Policlinico Paolo Giaccone di Palermo, dove, nel dipartimento di Medicina, alcune zone si sono letteralmente allagate. Alcuni pazienti, in particolare, hanno dovuto lasciare la stanza nella quale erano ricoverati.

Al Policlinico universitario Paolo Giaccone di Palermo dipartimento di medicina stanno uscendo i ricoverati di una stanza causa pioggia dentro la stanza – è la testimonianza che è arrivata a ilSicilia.it da parte di una persona che si trovava nella struttura ospedaliera – Sono anche crollati pezzi di controsoffitto“. E i pazienti, trolley al seguito, hanno dovuto abbandonare la stanza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro