Acque refluee, mille luoghi non in regola. La Commissione Europea pronta a deferire di nuovo l'Italia alla Corte di Giustizia :ilSicilia.it
Palermo

"Il problema è concentrato in Sicilia, Calabria, Campania e Lombardia"

Acque refluee, mille luoghi non in regola. Commissione UE pronta a deferire l’Italia alla Corte di Giustizia

di
27 Dicembre 2016

Dal Nord al Sud Italia ci sono quasi mille località, da note mete turistiche a grandi città, dove gli impianti fognari non rispettano le norme europee, con rischi per l’ambiente e la salute umana. La situazione, da tempo sotto osservazione da parte della Commissione Ue, rischia, secondo informazioni che arrivano da Bruxelles, di sfociare in un nuovo rinvio davanti alla Corte di giustizia europea e a multe nel 2017, per il mancato rispetto della direttiva del 1991 sulle acque reflue. Il problema è particolarmente concentrato in Sicilia, Calabria, Campania e Lombardia, che contano da sole per i due terzi dei siti non a norma, ma il problema in realtà riguarda tutta Italia, in quanto l’unica regione senza procedure d’infrazione Ue è il Molise, perché scarica le sue acque reflue nelle regioni confinanti.

E’ una vicenda che è stata già messa sotto attenzione dalla Commissione Europea sin dal 2012. Quell’anno la Commissione si accorse che qualcosa negli scarichi del Belpaese non andava. E andò giù pesante censurando il “reflusso” di 109 comuni. Quella contestazione sarà ratificata lo scorso 8 dicembre, quando da Bruxelles comunicheranno che in quel lotto di 109 comuni originariamente non in regola, soltanto 29 avevano superato e risolto il problema. Di quegli 80 luoghi ad alto inquinamento per le acque reflue ben 51 sono collocati in Sicilia.

Così, alla vigilia dell’Immacolata la Commissione europea ha nuovamente deferito l’Italia alla Corte di giustizia dell’UE per la mancata esecuzione della sentenza 2012 sulle acque reflue urbane. Per motivare quella decisione i commissari hanno sostenuto che “le autorità italiane devono ancora garantire che vengano adeguatamente raccolte e trattate in 80 agglomerati del paese, dei  109 oggetto della prima sentenza, al fine di evitare gravi rischi per la salute umana e l’ambiente. A distanza di quattro anni la questione non è ancora stata affrontata in 80 agglomerati, che contano oltre 6 milioni di abitanti in diverse regioni italiane“. La Commissione  ha chiesto alla Corte di giustizia dell’UE di comminare una sanzione forfettaria di 62.7 milioni di euro e propone inoltre una sanzione giornaliera pari a 346.922 euroqualora la piena conformità non sia raggiunta entro la data in cui la Corte emette la sentenza“. Ora i riflettori si accendono di nuovo. E se al primo giro le località italiane sotto tiro era soltanto 109, la Commissione Ue parla di mille luoghi a rischio per l’ambiente e la salute umana.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.