Ad Aci Trezza ai nastri di partenza la 30ª "Sagra del pesce spada" :ilSicilia.it
Catania

dal 7 al 9 giugno

Ad Aci Trezza ai nastri di partenza la 30ª “Sagra del pesce spada”

di
6 Giugno 2019

E’ tutto pronto ad Aci Trezza per un week end all’insegna del gusto con la 30^ “Sagra del pesce spada”. Nella cornice marinara dello Scalo di alaggio, venerdì 7, sabato 8 e domenica 9 giugno, dalle 20 in poi, torneranno protagoniste al centro della scena le tradizionali quattro grandi griglie, che saranno pronte a cucinare migliaia di fettine di “spado”.

Sagra del pesce spada di Aci Trezza

La gustosa pietanza, come sempre, verrà servita dallo stand centrale in un piatto con un contorno di insalata mista a km zero ed accompagnata dal tipico “panino di casa” e da un bicchiere di fresco vino bianco dell’Etna o da una bevanda. Anche quest’anno l’evento più atteso dell’estate trezzota, organizzato dalle Commissioni festeggiamenti San Giovanni Battista e Madonna della Buona Nuova, nonché dalla Confraternita San Giovanni Battista e dall’associazione culturale “U pisci a mari”, con il patrocinio del Comune di Aci Castello, vedrà la concomitante presenza della mostra dell’artigianato e dei prodotti tipici locali coordinata dall’associazione culturale “Nuovi eventi”.

Per l’occasione, intanto, considerata la previsione relativa ad un notevole afflusso di visitatori, per accedere agevolmente alla Sagra gli organizzatori consigliano di fare ingresso ad Aci Trezza con i mezzi privati esclusivamente dal bivio sud (lato Catania), dove si trovano le aree a parcheggio private del “Lido dei Ciclopi”, dell’hotel “Marina palace” e di via Provinciale n° 5, oltre alle aree pubbliche con sosta a pagamento su strisce blu del Porto nuovo e di piazza Marina. Tutte le notizie e le curiosità sulla storica manifestazione culinaria sono già disponibili e saranno in costante aggiornamento sia sul portale web festasangiovanni.it, che nell’omonima pagine “Facebook”, “Twitter” e “Instagram” dove verrà utilizzato l’hashtag #pescespadaacitrezza, mentre da quest’edizione sarà possibile anche ricevere informazioni tramite servizio di messaggistica istantanea con “Whatsapp” inviando un messaggio al numero telefonico 3791016151,dopo averlo salvato sul proprio telefono.

Un fine settimana all’insegna della bontà in una delle borgate marinare più belle della Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.