Ad Acireale è tutto pronto per la "Sagra do trunzu di Aci" :ilSicilia.it
Catania

Dal 5 al 7 luglio

Ad Acireale è tutto pronto per la “Sagra do trunzu di Aci”

1 Luglio 2019

Il nostro viaggio ci conduce ad Acireale (CT) per la Sagra do trunzu di Aci che, svolgendosi dal 5 al 7 luglio, nasce con lo scopo di far conoscere le tradizioni culinarie con alla base questo cavolo rapa coltivato da sempre negli orti di Acireale e delle località vicine, riconosciuto prodotto presidio slow food.

La Leggenda di Aci e Galatea

Aci e Galatea

Ma vi siete mai domandati perché tanti paesini in provincia di Catania iniziano tutti con il prefisso Aci? Galeotta fu la bellissima storia d’amore, una delle più struggenti della mitologia, tra un pastorello di nome Aci, figlio di Fauno, e la nereide Galatea, una delle cinquanta figlie delle divinità marine Doride e Nereo, di cui era perdutamente innamorato Polifemo, che Ovidio narra nel XIII libro delle Metamorfosi. Una sera, al chiaro di luna, il ciclope, vedendo i due giovani baciarsi in riva al mare, travolto da una furente gelosia, decise di vendicarsi e, non appena la ninfa si tuffò in mare, preso un grosso masso di lava lo scagliò contro il povero pastorello, schiacciandolo.

Galatea, accorsa, pianse tutte le sue lacrime, ma Giove, per pietà, trasformò il sangue dell’amato in un piccolo fiume che, nato dall’Etna, sfociò proprio nel tratto di spiaggia dove i due amanti erano soliti incontrarsi. La tradizione popolare aggiunge un particolare, quello secondo cui il corpo del pastorello sia stato smembrato in nove parti cadute dove sono nate le nove Aci. E’ bello credere che questa appassionata e tragica storia d’amore continui, nell’oggi, con il mare, Galatea, che attende il fiume, Aci, per unirsi in un bacio dolce e salato. In località Capo Molini, poco distante dal mare, c’è una piccola sorgiva chiamata “u sangu di Jaci”, dovuto al suo colore rossastro che dona realtà a una suggestiva leggenda.

Sagra do Trunzu di Aci ad Acireale

Sagra do trunzu di Aci

Al centro di questa gustosa festa, tantissime degustazioni di pietanze a base di Trunzu: pasta, salciccia, insalate e arancini ripieni di trunzu. Già dalla prima metà del Novecento questo cavolo rapa, il cui nome riprende un epiteto con il quale i catanesi prendono in giro gli abitanti di Aci, era protagonista sui mercati ortofrutticoli del capoluogo etneo; ma negli anni Quaranta la sua coltivazione  diminuì, soppiantata da produzioni più redditizie. Il trunzu è di piccole dimensioni, riconoscibile perché la parte commestibile, presenta striature violacee, comune  a molti ortaggi coltivati nei terreni lavici dell’Etna.

Come tutte le brassicacee (cavoli, ravanelli, broccoletti, ecc.) contiene molti minerali, vitamine e la ricerca medica gli attribuisce una forte azione detossificante. Oltre al buon cibo, il 5, il 6 e 7 luglio, sarete allietati da sfilate di abiti da sposa e cerimonia, Donna Fashion 2019, venerdì alle 20,30; Auto d’epoca del Club Motoristico Acese, karaoke, balli di gruppo e spettacolo di parodie, sabato dalle 18 in poi; Club La Fenice di Belpasso – Motoclub, intrattenimento musicale, karaoke e balli di gruppo, domenica dalle 18 alle 24.

Buona Sagra a tutti.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.