Ad Adria l'Island Motorsport tiene botta :ilSicilia.it

Il palermitano è stato costretto al ritiro anticipato per la rottura del filo dell'acceleratore.

Ad Adria l’Island Motorsport tiene botta

di
15 Maggio 2017

Missione compiuta in quel di Adria per l’equipaggio della scuderia Island Motorsport composto dai sicilianiApache Jr, alias Michele Merendino, e il neofita Giuseppe Guttadauro che, una volta archiviato il terzo di sette appuntamenti del Campionato Italiano Pista Autostoriche conquistando la piazza d’onore nel 2° Raggruppamento (modelli fabbricati dal 1966 al 1975), hanno conservato la leadership provvisoria di categoria.

Il duo isolano, sempre coordinato nel programma sportivo dalla Tempo s.r.l. e alternatosi alla guida della Porsche 911 Carrera Rs del team Guagliardo ha, così, guadagnato altri punti preziosi per un’appassionante lotta al titolo tricolore, reduce già da due vittorie conseguite nei precedenti round del Mugello e di Franciacorta.

Giuseppe Guttadauro

Come di consueto, il primo turno di guida è toccato a Giuseppe (Guttadauro, nella foto), autore di un’ottima performance nonostante fosse all’esordio ad Adria, che mi ha consegnato la vettura dopo aver cumulato 22 secondi di vantaggio nei confronti dei nostri diretti avversari – ha raccontato un esausto ma soddisfatto Merendino – Una volta subentrato al mio compagno, ho mantenuto inalterato il distacco nel prosieguo fino a quando mi hanno comminato un ‘drive trough’, per aver superato il limite di velocità sulla pit lane. Rientrato, nuovamente, in pista il nostro margine si è abbassato a cinque secondi. Sono riuscito a difendere la posizione per altri tre giri circa sennonché, accusando un vero e proprio crollo fisico (tanto da finire in infermeria al termine della competizione ndr), ho dovuto mio malgrado alzare il piede dall’acceleratore e cedere il primato ai nostri inseguitori a poche tornate dalla bandiera a scacchi”.

Sull’impegnativo tracciato veneto, da registrare un secondo posto nella “TC2000” per l’altro binomio siculo formato dall’esperto Francesco Fontana e dal gentleman driver Salvatore Limuti, su Bmw 2002 TII; brillante piazzamento in virtù del quale l’affiatata coppia è riuscita a consolidare la vetta nella classifica di classe.

C’era attesa, altresì, per la prima uscita stagionale dell’altro alfiere Domenico Guagliardo, chiamato in qualità di tester della Volkswagen Scirocco di 3° Raggruppamento (vetture prodotte dal 1976 al 1982) curata dalla Biesse Motors. Giornata poco fortunata per il noto pilota-preparatore palermitano che, dopo venti minuti dallo start e quando era saldamente secondo assoluto nel gruppo “fino a 2000cc“, è stato costretto al ritiro anticipato per la rottura del filo dell’acceleratore.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.