Ad Agrigento la presentazione del nuovo libro di Antonio Bacarella: al centro dell'opera agricoltura, etica e ambiente :ilSicilia.it
Agrigento

sabato 18 dicembre dalle ore 9:30 alla Valle dei Templi

Ad Agrigento la presentazione del nuovo libro di Antonio Bacarella: al centro dell’opera agricoltura, etica e ambiente

di
16 Dicembre 2021

Il tema è l’occasione giusta per fare conoscere al pubblico l’ultima opera di Antonio Bacarella, già docente di Economia e politica agraria all’Università degli studi di Palermo: un testo che rappresenta la sintesi di 55 anni, una vita, dedicata con passione e grande impegno scientifico, allo studio dell’agricoltura siciliana.

Il libro “Storia moderna dell’agricoltura siciliana: dall’anteguerra i giorni nostri” sarà presentato dai docenti universitari di Unipa Pietro Columba e Alessandro Hoffmann, docenti di Economia e di Politica Agraria. La Storia moderna dell’agricoltura siciliana di Antonino Bacarella, pubblicata dalle Edizioni La Zisa, è composto da due volumi, per un totale di 1.115 pagine. Un impressionante lavoro di studio, ricerca ed elaborazione dei dati condensato in 245 tabelle, in una alta presenza di prospetti e in una interminabile bibliografia.

Il professor Bacarella lascia intravedere nella narrazione, nello studio e nell’analisi dell’agricoltura siciliana, come la carenza di scuola, università, ricerca, trasferimento tecnologico, assistenza tecnica siano la chiave per comprendere i limiti, in Sicilia, di un’agricoltura importante che potrebbe essere – invece – importantissima. Una visione che coincide proprio con quella del Santo Padre che, in un recente messaggio alla FAO, ha messo al primo punto quello di “rivedere il sistema di istruzione per renderlo più rispondente al settore agricolo e, quindi, per integrare i giovani al mercato del lavoro”. Soltanto così l’agricoltura del futuro sarà etica, consapevole e guarderà al mondo con ottimismo e fiducia.

L’evento di sabato 18 dicembre, organizzato dall’Associazione Mediterranea Solidale di Porto Empedocle, rappresenta quindi anche un focus su agricoltura e impatto ambientale in Sicilia, prendendo spunto dall’enciclica papale “Laudato si” di Papa Francesco in cui il Santo Padre fa “un invito urgente a rinnovare il dialogo sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta. Abbiamo bisogno di un confronto che ci unisca tutti, perché la sfida ambientale che viviamo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti”.

Oltre alle autorità di Agrigento (il sindaco Francesco Miccichè, il direttore del Parco Archeologico Roberto Sciarratta, il presidente del Consorzio Universitario Nenè Mangiacavallo, l’assessore regionale Marco Zambuto), porteranno il loro saluto: Luigi Fiore (presidente Associazione Mediterranea Solidale) sul tema etico dell’enciclica papale “Laudato si” ; Giuseppe La Rocca (Fondazione comunitaria Agrigento e Trapani) su “Ridurre le diseguaglianze attraverso il cibo e le filiere agricole”; Luigi Vella (Ispettorato provinciale agricoltura AG) su “Sistemi agricoli e benefici ambientali nel contesto dell’attuazione della programmazione PSR Sicilia”; Dario Cartabellotta (dirigente generale Dipartimento Agricoltura Regione siciliana) su “Sostenibilità e innovazione per il miglioramento delle condizioni economiche, sociali e ambientali in agricoltura”.

Previsti anche gli interventi di: Maria Giovanna Mangione (presidentessa ordine dei dottori Agronomi e Forestali di AG), Piero Lo Nigro (presidente ordine dei dottori Agronomi e Forestali di Sicilia), Alessandro Vita (Confagricoltura AG), Ignazio Gibino (Coldiretti AG), Rosario Marchese Ragona (Confagricoltura Sicilia), nonché Roberto Lagalla (assessore regionale dell’Istruzione e formazione professionale).

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.