Ad Alcamo la scultura del maestro Turi Simeti :ilSicilia.it
Trapani

L'inaugurazione sabato 16 novembre

Ad Alcamo la scultura del maestro Turi Simeti

di
14 Novembre 2019

Si inaugurerà sabato 16 novembre 2019 alle ore 11:30 la scultura in marmo del Maestro Turi Simeti dal titolo “Un ovale marmo perlato su panorama”; l’opera è stata collocata nel Belvedere di Alcamo che si potrà ammirare lungo una passeggiata in piazza Bagolino.

Turi Simeti, artista alcamese, riconosciuto a livello internazionale, ad oggi vive a Milano ma ha sempre mantenuto un rapporto importante con la sua città, per questo motivo ha donato questa imponente scultura che è stata precedentemente seguita da altre donazioni che si trovano presso il Museo di Arte Contemporanea, il MACA, al
Collegio dei Gesuiti.

L’interlocuzione  tra l’artista e l’Amministrazione Comunale alcamese nasce nel 2018 su iniziativa del gallerista Adalberto Catanzaro che, nel febbraio scorso, ha organizzato una visita nello studio maestro a Milano dove è nata l’idea di questa scultura che rilancia non solo l’attività culturale della Città di Alcamo ma anche il marmo made in Sicily, come il perlato di Custonaci.

La scultura è un grande monolite ovale, cifra stilistica che caratterizza le opere di Simeti ed è rimasto tale in questi ultimi cinquant’anni, dalle dimensioni 340x260x40
cm in marmo perlato che sta in un equilibrio imperfetto sul filo dell’orizzonte, un segno nel paesaggio, che divide città e campagna, una faccia rivolta alla città.

L’artista Simeti, quindi ha voluto mettere a nudo l’ovale, che rappresenta l’archetipo della sua pittura, che non intende comunicare altro che l’assolutezza della forma di
fronte alla profondità del paesaggio e all’infinita profondità dell’esistenza. Piazza Bagolino è l’area urbana che non ha subito la pressione delle espansioni recenti, lasciando ancora riconoscibili i bastioni delle mura e il fronte urbano.

E il luogo che meglio rappresenta la condizione di limite e di soglia urbana, una volta era l’estremo baluardo di difesa della città, oggi è una terrazza sul mondo. Attraverso
un panorama di infinita bellezza, quest’opera artistica di Turi Simeti interagisce con lo spazio e contribuisce a dare senso al luogo o forse a ricostruire il suo senso in
questo luogo.

“Per noi è un onore accogliere una scultura del Maestro Turi Simeti – afferma il sindaco di Alcamo, Domenico Surdi che trova la sua collocazione naturale a piazza
Bagolino, interagendo con lo spazio circostante; il marmo dell’ovale, infatti, si integra perfettamente con la passeggiata lungo il bastione e disegna con il panorama un
insieme di grande effetto artistico. Alcamo è una città ricca di arte e cultura e pertanto non poteva mancare un segno tangibile dell’opera di uno dei suoi più importanti figli”.

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin