Ad Alimena la Proloco organizza “Lo Yoga di Vāc”, laboratorio con Alberto Samonà | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

dal 29 aprile al 20 maggio 2018

Ad Alimena la Proloco organizza “Lo Yoga di Vāc”, laboratorio con Alberto Samonà

18 Aprile 2018

ALIMENA (PA) – Ascoltare se stessi. Ascoltare l’universo. Riconoscere l’energia in sé e permettere che la Parola nasca a partire da questo luogo interiore. Questo il percorso, proposto da “Lo Yoga di Vāc”, laboratorio tenuto da Alberto Samonà, giornalista e scrittore, in programma ad Alimena dal 29 aprile al 20 maggio 2018.

Il laboratorio è voluto dall’assessore comunale alla Cultura, Mari Albanese, finanziato dal Comune e organizzato dalla Proloco di Alimena in collaborazione con l’associazione Āgama Śāstra.

Si tratta di un laboratorio esperienziale, il cui scopo è tentare insieme di riconoscere spazi di silenzio, a partire dai quali intravedere in se stessi la possibilità di una Parola, un suono, che divenga ritmo e tracci un percorso, in grado di dar vita a una storia.

Nel corso del laboratorio si sperimenteranno i territori del Trika Yoga, un’antica forma di meditazione proveniente dalla tradizione dello Shivaismo. Attraverso il Trika, si lavorerà su “Vāc”, la parola, intesa come suono originario, dal quale possono svilupparsi molteplici possibilità.

“Lo Yoga di Vāc” è un laboratorio che muove dalla conoscenza dei cosiddetti chakra, i centri di attrazione ed emanazione energetica, attraversati da Kundalini (l’energia) e che si svolge mediante esercizi fisici e momenti di meditazione. Lo scopo è di sviluppare le possibilità creatrici e vivificanti di ciascuno. Ne verrà fuori una parola creatrice (Vāc), non espressione della elaborazione di concetti o idee, ma generata da un flusso dinamico nel corpo. Ai momenti di meditazione, si alterneranno esperienze di Trika Yoga e momenti di scambio e dialogo.

Si affronterà un viaggio condiviso all’interno della struttura dell’essere umano, a partire dai chakra, proponendo un lavoro che permetta all’energia di ascendere e circolare più liberamente, fin quando le possibilità creatrici e vivificanti insite in noi possano aprirsi. Si lavorerà su ciascun centro e le parole che nasceranno diverranno occasione per tracciare un percorso narrativo. Ciò consentirà ai partecipanti una più completa relazione con se stessi. E da questo “riconoscersi”, incominciare a sentire la Parola, Vāc.

Il laboratorio sarà suddiviso in vari momenti (29 aprile, 6, 19, 20 maggio dalle 15 alle 19), organizzati in modo da consentire lo sviluppo di spazi di condivisione fra i partecipanti. Lo scopo è di ascoltare se stessi e, unitamente, ascoltare l’energia dell’universo.

Un laboratorio “anomalo”, perché mette insieme la capacità creativa ed espressiva dell’essere umano, con un viaggio interiore e tecniche di meditazione “Tantra”.

Per informazioni rivolgersi alla Proloco di Alimena prolocoalimena@tiscali.it

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.