22 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.02
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

Fino al 6 gennaio 2019

“Ad Calvariam”, nuovo allestimento per l’opera di Dario Denso Andriolo | VIDEO

6 dicembre 2018

Guarda il video in alto 

Verrà inaugurata venerdì 7 dicembre, alle ore 19, alla cripta di san Matteo al Cassaro (Via Vittorio Emanuele, 295,) di Palermo “Ad Calvariam”, video-scultura dell’artista Dario Denso Andriolo ispirata all’iconografia del Christus patiens.

L’opera, presentata alla chiesa di santa Maria dello Spasimo come evento collaterale di Manifesta 12 e #anteprima I-design, trova nuovo allestimento in un altro suggestivo monumento, la cripta di san Matteo, luogo di sepoltura di artisti quali Vito D’Anna (1718-1769) e Giacomo Serpotta (1652-1732).

L’installazione si lega a doppio filo con il capolavoro di Raffaello, lo “Spasimo di Sicilia” (1517), oggi custodito al Prado di Madrid e originariamente destinato alla chiesa omonima palermitana.

La dolorosa salita al Calvario, descritta con grande intensità dall’artista urbinate, si converte e si condensa in una figurazione estremamente sintetica, carica di pathos e intenso magnetismo, in grado di raccontare in chiave contemporanea l’universalità del dolore e delle sofferenze umane.

Un incrocio destrutturato di bianchi volumi diviene schermo per la visione drammatica della Passione, che diventa eterna nel tempo presente, mettendo a nudo un conflitto umano e sociale in cui il tempo sembra arrestarsi, retrocedere e poi riprendere forma.

L’installazione, promossa da I-design e dall’associazione Amici dei Musei Siciliani, a cura di Maria Luisa Montaperto, parte del cartellone ufficiale di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 rimarrà visitabile fino al 6 gennaio 2019; ticket: € 2,50 (intero); € 1,50 (ridotto per gruppi e circuito “Le vie del sacro”).

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.