20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.09
Palermo

Fino al 6 gennaio 2019

“Ad Calvariam”, nuovo allestimento per l’opera di Dario Denso Andriolo | VIDEO

6 Dicembre 2018

Guarda il video in alto 

Verrà inaugurata venerdì 7 dicembre, alle ore 19, alla cripta di san Matteo al Cassaro (Via Vittorio Emanuele, 295,) di Palermo “Ad Calvariam”, video-scultura dell’artista Dario Denso Andriolo ispirata all’iconografia del Christus patiens.

L’opera, presentata alla chiesa di santa Maria dello Spasimo come evento collaterale di Manifesta 12 e #anteprima I-design, trova nuovo allestimento in un altro suggestivo monumento, la cripta di san Matteo, luogo di sepoltura di artisti quali Vito D’Anna (1718-1769) e Giacomo Serpotta (1652-1732).

L’installazione si lega a doppio filo con il capolavoro di Raffaello, lo “Spasimo di Sicilia” (1517), oggi custodito al Prado di Madrid e originariamente destinato alla chiesa omonima palermitana.

La dolorosa salita al Calvario, descritta con grande intensità dall’artista urbinate, si converte e si condensa in una figurazione estremamente sintetica, carica di pathos e intenso magnetismo, in grado di raccontare in chiave contemporanea l’universalità del dolore e delle sofferenze umane.

Un incrocio destrutturato di bianchi volumi diviene schermo per la visione drammatica della Passione, che diventa eterna nel tempo presente, mettendo a nudo un conflitto umano e sociale in cui il tempo sembra arrestarsi, retrocedere e poi riprendere forma.

L’installazione, promossa da I-design e dall’associazione Amici dei Musei Siciliani, a cura di Maria Luisa Montaperto, parte del cartellone ufficiale di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 rimarrà visitabile fino al 6 gennaio 2019; ticket: € 2,50 (intero); € 1,50 (ridotto per gruppi e circuito “Le vie del sacro”).

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.