23 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.39

Il 4, il 6 e l'8 giugno 2019

Ad Ucria il corso base per la realizzazione dei muretti a secco, patrimonio dell’umanità

13 Maggio 2019

L’arte dei muretti a secco Patrimonio dell’Umanità. Le loro forme irregolari si intrecciano perfettamente come tessere di un puzzle e danno origine a rustici cordoni lungo sentieri campestri e terreni agricoli. Sono i muretti a secco, antiche costruzioni erette a sostegno di vigneti, pascoli e proprietà private e, adesso, Patrimonio dell’Umanità.

Il corso base, organizzato dall’Ordine degli Agronomi, Dottori forestali della provincia di Messina, col patrocinio del Comune di Ucria, del Parco dei Nebrodi e del Consorzio della Banca Vivente del Germoplasma vegetale dei Nebrodi, dove si svolgerà il corso.

L’idea del corso nasce per trovare nuove forme di comunicazione per il sapere locale e ricostruire un cultura territoriale collettiva, la percezione del sistema terrazzato come ‘bene comune’, una infrastruttura che non può né dev’essere vista solo come un insieme di proprietà separate, ma che costituisce una infrastruttura produttiva che ha bisogno di manutenzione.

Il corso si rivolge a chiunque voglia imparare a restaurare un muretto a secco, ma anche a dipendenti, titolari d’impresa, coadiuvanti, liberi professionisti.

Il corso ha come obiettivo fornire ai partecipanti la capacità di riconoscere gli elementi tipici e le strutture dell’architettura tradizionale soprattutto in riferimento ai muretti a secco.

La stabilità del muro è data dall’accuratezza con la quale si fanno combaciare le pietre: senza l’uso di malte ne altri leganti, solo dando il giusto letto ad ogni pietra si può ottenere un muro bello e resistente.

Il corso prevede:

* la partecipazione di circa 30 persone
* due giorni di lezione in aula
* un giorno di lezione pratica con esercitazione in campo

Le date previste:

– martedì, 04 giugno 2019

– giovedì, 06 giugno 2019

– domenica 09 giugno 2019

 

Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di Partecipazione al corso

PROGRAMMA

PARTE TEORICA

Martedì 4 giugno 2019 – Dalle ore 16.00 alle 20.00

– I muri a secco nei contesti storici del paesaggio;

– Allestimento e organizzazione di un cantiere;

– Sicurezza e antinfortunistica in un cantiere per i muri in pietra;

– Geologia del terreno e realizzazione dei muri in pietra;

– Elementi di tecnica costruttiva in pietra a secco;

– Le fondazioni. Dimensionamento e preparazione;

– Scelta e lavorazione della pietra.

Giovedì 6 giugno 2019 – Dalle ore 16.00 alle 20.00

PARTE TEORICA

-Muro in elevazione. Calcolo angolo d’inclinazione. Scelta e lavorazione della pietra con gli strumenti tradizionali (martello a testa, mazza, piccone), metodo di posa delle pietre, posa delle traverse, rifiniture finali.

PARTE PRATICA

Ricostruzione di un vecchio muro crollato:

Demolizione;

Smistamento;

Pietre;

Movimento terra;

Fondazione;

Lenze.

Sabato, 8 giugno 2019 – Dalle ore 09.00 alle 13.00

LA PARTE PRATICA prevede la ricostruzione di un vecchio muro crollato con l’aggiunta eventuale di una piccola porzione ex novo in cui affrontare tutte le fasi del lavoro sui muri in pietra a secco:

Muro in elevazione

Pietre di facciata;

Pietre da mettere dietro;

Uso del brecciame;

Lavorazione con il martello e con la mazza;

Pietre chiave;

Angoli e curve (se consentito dalla tipologia di intervento).

Il presente corso avrà come fine:

– Offrire ai destinatari l’opportunità di inserirsi professionalmente assicurando gli strumenti e le competenze teoriche e pratiche necessarie;

– Tenere in vita un mestiere tradizionale a rischio di estinzione, caratterizzato da elevate professionalità e qualità dei manufatti;

– Stimolare il ricambio generazionale, attraverso il trasferimento delle competenze maturate dagli artigiani nel corso della propria esperienza professionale;

– Tutelare e valorizzare il paesaggio rurale quale risorsa per la promozione di uno sviluppo economico locale;

– Migliorare le caratteristiche idrogeologiche del territorio.

Le date previste:

– martedì, 04 giugno 2019

– giovedì, 06 giugno 2019

– sabato, 08 giugno 2019

SICUREZZA:

E’ necessario equipaggiarsi di caschetto, guanti, occhiali e scarpe antinfortunistiche. Verrà richiesta la sottoscrizione di una liberatoria.

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA

Per maggiori informazioni e per l’iscrizione, contattare:
Segreteria: 090.674212

E-mail: ordinemessina@conaf.it

Presidente – Dott. Agr. Stefano Salvo: 393.5867300

Dott. Ing. Maria Scalisi: 349.6652470

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.