Addaura, Vergine Maria e Arenella invase dai rifiuti, Mineo: "Una vergogna a firma Orlando che costerà tanto ai cittadini" | Foto :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia del commissario cittadino di Forza Italia

Addaura, Vergine Maria e Arenella invase dai rifiuti, Mineo: “Una vergogna a firma Orlando che costerà tanto ai cittadini” | Foto

di
13 Agosto 2019

Guarda in alto le foto

L’emergenza rifiuti continua anche nella settimana di Ferragosto, degrado e sporcizia anche nel litorale Addaura, Vergine Maria e Arenella.

Le borgate marinare sono invase da cataste di immondizia, questo dovuto ai disservizi nella raccolta e l’Amministrazione Orlando sbandiera per ennesima volta una maxi pulizia delle borgate marinare“, afferma Andrea Mineo, commissario cittadino di Forza Italia.

Ma perchè fare pulizia straordinaria ogni tre settimane? Questo vuol dire che la raccolta di routine non funziona, tutto è stato programmato in modo approssimativo e l’operazione di raccolta straordinaria è solo per mettere una toppa a qualcosa che evidentemente non funziona compresa l’azienda, la Rap, che ci costerà quest’anno 12 milioni circa in più. Una vergogna a firma di Orlando che costerà tanto ai cittadini“, aggiunge Mineo.

Inoltre, soprattutto in questo periodo, sarebbero necessari maggiori controlli per gli accampamenti non regolari che vengono fatti sulle spiagge, che creano, tra i tanti disagi anche problemi di sicurezza“, conclude Andrea Mineo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.