Addio a Decathlon: il Comune di Palermo dice no al progetto :ilSicilia.it
Palermo

NUOVA BATTUTA D'ARRESTO

Addio a Decathlon: il Comune di Palermo dice no al progetto

di
17 Giugno 2020

Decathlon – come pure Ikea, purtroppo – sembrerebbe destinato a rimanere un sogno in un cassetto per i palermitani.

Il Suap (Sportello Unico Attività Produttive) infatti, avrebbe bocciato definitivamente il progetto del colosso francese di articoli sportivi, che era pronto ad investire in città una cifra enorme – circa 20 milioni di euro – per aprire un punto vendita a Palermo, al posto dell’ex stabilimento della “Coca Cola” di via Rosario Nicoletti, in zona Tommaso Natale.

Già un anno fa ilSicilia.it anticipava l’esito amaro sulla vicenda del progetto che avrebbe garantito un centinaio di nuovi posti di lavoro. Riportavamo infatti di grandi difficoltà tecniche, sia in merito alla destinazione dell’area nel PRG (“Zto D1“), sia problemi per il parcheggio. Una ricostruzione che il Comune aveva respinto, parlando di “complessità tecniche” e “necessità di individuare le aree a verde e destinate al parcheggio, indispensabili per la struttura e, soprattutto, in considerazione delle vicende giudiziarie dell’immobile ancora sotto sequestro“.

decathlon coca colaNell’area, infatti, inizialmente era previsto un cinema multisala (11 sale con tremila posti a sedere, bar e ristoranti) della Moviplex a cui è poi subentrata la Maxcine. Ma dopo un esposto del 2013 partirono delle indagini della magistratura che bloccò i lavori per “irregolarità edilizie nella nuova multisala” che avrebbe avuto “un corpo di fabbrica di dimensioni, sagoma, volume, altezze e area di sedime diversi da quelli originari, tale da doversi classificare come nuovo intervento edilizio”. Per i pm “non si sarebbe potuta realizzare”  vista la vicinanza (soli 660 metri) col cinema Aurora. Furono pure indagati alcuni funzionari comunali del Suap per abuso d’ufficio.

Dopo alcuni anni dal sequestro si fece avanti Decathlon, interessata a comprare l’area. Viste le lungaggini burocratiche, un anno fa il colosso mondiale dell’abbigliamento sportivo aveva bacchettato la Giunta Orlando – rea, a loro dire, di non averli degnati di risposte.

Adesso, dopo un lunghissimo tira e molla, pare che il Suap abbia finalmente rotto gli indugi e risposto – con un due di picche – al progetto. Ancora una volta Palermo sembra perdere una opportunità.

Dopo Ikea, l’acquario alla Bandita col progetto di Piras (50 mln), i ponti ciclopedonali di Perrault (10 mln), il Centro Congressi alla Fiera del Mediterraneo (100 milioni); la Costa Sud come la nuova Mondello… e tanti altri progetti, il Capoluogo siciliano continua a collezionare progetti nel libro dei sogni”.

Intanto in Consiglio Comunale è già bufera: QUI la replica del Comune.

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo: bufera sul no a Decathlon, Ferrandelli: “Comune scandaloso, Orlando trovi una soluzione”

Progetto Eurispes, demagogia e parole al vento per una Palermo impossibile

Decathlon addio, Palermo perde milioni e posti di lavoro per un parcheggio | Fotogallery

Stop a Decathlon? Il Comune smentisce ma non troppo: “Complessità tecniche”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin