Addio al controverso artista "sanguinario" Hermann Nitsch :ilSicilia.it

quando i palermitani si ribellarono all’effimero dell'arte

Addio al controverso artista “sanguinario” Hermann Nitsch

di
19 Aprile 2022

AustriaE’ morto all’età di 83 anni, in un ospedale di Mistelbach, l’artista Hermann Nitsch, massimo esponente dell’Azionismo viennese, divenuto celebre per le installazioni/performance realizzate con sangue di animali e corpi nudi.

Un giorno, ricordo una telefonata con un giovanissimo Andrea Cusumano che mi parlava di: performance, happening, Azionismo, body art, che si racchiudevano nella sua amicizia con l’artista austriaco Hermann Nitsch.

Era il 1994, e Palermo “iniziava” ad accorgersi di avere anche una Provincia Regionale di Palermo che, grazie alla presidenza di Francesco Musotto e tra gli altri assessori c’era anche Tommaso Romano, delega alla Cultura ed il motto “eventi a costo zero”, sfornava senza soluzione di continuità: mostre, concerti, simposi e incontri con l’autore. Proposi al vulcanico assessore un incontro pubblico con Hermann Nitsch, che da li a breve si svolse nella biblioteca della Provincia. In quell’incontro, davanti una sala gremita di un pubblico disomogeneo, indistintamente rimasero tutti attenti alle parole di Nitsch che parlava dell’unicità di un atto presente, l’irriproducibilità dell’operazione artistica, l’irripetibilità dell’evento che si fa opera d’arte e la perfetta sincronia, fra la produzione artistica e la fruizione dello spettatore.

Dopo quasi venti anni da quell’incontro, nel 2015 viene annunciata dall’assessore alla Cultura del Comune di Palermo, Andrea Cusumano, una mostra di Hermann Nitsch, carica di critiche e da un clamoroso rifiuto di Città del Messico: Das Orgien Mysterien Theater (Il teatro delle orge e dei misteri) che prende il nome dalle performance artistiche di Nitsch, che intrecciano la tradizione delle orge dionisiache con quella dei misteri medievali.

Subito si sveglia la parte puritana della città, che lancia accorati appelli con una raccolta di firme online, chiedendo la cancellazione della temuta mostra e bloccando di fatto la libertà dell’arte.

Il famoso editore, Leo Longanesi, dichiarava: “Non è la libertà che manca in Italia. Mancano gli uomini liberi.” Oggi voglio ricordare la libertà di Herman Nitsch, che raccontava la sua arte, le sue emozioni tutte senza filtri, forse discutibili, per certi versi non condivisibile, ma questa è la natura dell’arte. Qualcosa completamente inutile per la sopravvivenza quotidiana, ma fondamentale per la crescita sociale.

Oggi più che mai bisognerebbe avere artisti come Herman Nitsch, o come Marina Abramović che nel 1997 esegue alla Biennale di Venezia, premiata con il Leone d’Oro, la performance Balkan Baroque, dove lei per 4 giorni, per 7 ore al giorno, pulisce in modo ossessivo tonnellate di ossa di mucca come forte denuncia verso la guerra nell’ex Jugoslavia che ancora non si era arrestata.

Oggi guardiamo a tutte le guerre con demagogia, quasi con un senso di rassegnazione o peggio di patetica riflessione, come se quelle scene di sterminio fanno parte di una effimera performance artistica, tutta una grande messa in scena.

Quel giorno del 2015 a  Villa Niscemi, durante la conferenza stampa di Hermann Nitsch, ringraziai l’artista, per avermi fatto vedere una Palermo “viva”, trincerata contro una mostra, la stessa Palermo che passata la tempesta, sarebbe ritornata nel suo guscio ad aspettare un altro argomento su cui disquisire senza frontiere.

Saluto la libertà dell’arte, saluto l’artista Hermann Nitsch e grazie all’amico Andrea e Tommaso per avermi portato in quel mondo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.