Addio alla Tav, l'analisi costi-benefici boccia il progetto. E la Sicilia resta in attesa... :ilSicilia.it

Silenzio sul Ponte sullo Stretto e Catania-Palermo

Addio alla Tav, l’analisi costi-benefici boccia il progetto. E la Sicilia resta in attesa…

di
12 Febbraio 2019

L’attesa analisi costi-benefici della TAV Torino-Lione è approdata a Palazzo Chigi. Il verdetto è impietoso: secondo gli esperti la linea ferroviaria ad alta velocità tra Italia e Francia sarebbe solo un enorme spreco di soldi pubblici. Nello specifico si parla di una sproporzione di costi di almeno 5,7 miliardi rispetto ai benefici e con l’ipotesi che il divario arrivi fino a 8 miliardi.

LEGGI QUI la relazione sulla TAV

Lo scontro nel Governo tra Lega e 5 Stelle sembra dunque ormai alla svolta: il dossier commissionato dal ministro dei Trasporti Danilo Toninelli dovrebbe mettere la pietra tombale sulla grande opera, fortemente sostenuta, invece, dal ministro dell’Interno Matteo Salvini.

di-maioE in Sicilia? Pochi giorni fa il vicepremier Luigi Di Maio aveva parlato di una non ben definita TAV Catania-Palermo, esprimendo il suo impegno per portare l’alta velocità ferroviaria nell’Isola.

In attesa di scoprire le idee e i progetti del Governo giallo-verde per recuperare il forte gap infrastrutturale Nord-Sud, c’è chi – ad ogni campagna elettorale – rispolvera ancora la questione del Ponte sullo Stretto. Anche lì sarebbe necessaria una valutazione costi-benefici per chiudere definitivamente un discorso che i siciliani sono stanchi di dover sentire.

Le strade colabrodo, il viadotto Himera ancora non ricostruito, le autostrade della vergogna (A18 e A20), le ferrovie ancora da terzo mondo con troppe tratte a binario unico, treni spesso in ritardo, collegamenti aerei dai costi spropositati per i siciliani, e porti ancora non efficienti sul piano logistico, dovrebbero spingere la politica a fare meno chiacchiere e più fatti. 

Le parole ormai stanno a zero: la Sicilia non ha bisogno di opere faraoniche o promesse impossibili. Solo di normalità e continuità territoriale.

 

LEGGI ANCHE:

L’annuncio di Di Maio: “Faremo la Tav Catania-Palermo”

Ponte sullo Stretto: “Toninelli istituisca commissione costi-benefici”

L’ultima dei 5 Stelle: Palermo-Catania in treno in dieci minuti

Il sondaggio Swg: Italiani favorevoli alle grandi opere. Bocciato solo il Ponte sullo Stretto

Il ministro Toninelli arriva in Sicilia: “Ferrovie da terzo mondo, ci rimboccheremo le maniche”

Strade vergognose in Sicilia: “E le promesse di Toninelli? Serve commissario straordinario per la viabilità”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.