Adozioni: da Trapani al Brasile, dopo 31 anni riabbraccia la madre biologica | VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

LA STORIA DI PAOLO LA FRANCESCA

Adozioni: da Trapani al Brasile, dopo 31 anni riabbraccia la madre biologica | VIDEO

10 Novembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Dopo aver presentato al Senato la sua storia nel romanzo autobiografico “Il profumo della speranza”, il giovane trapanese Paolo La Francesca e la sua Associazione Europea “Hands for Adoptions”, esportano il successo del libro anche all’estero: il romanzo infatti, è stato tradotto in portoghese e – dal 6 al 9 novembre scorsi, in occasione della Giornata Mondiale delle Adozioni – è stato presentato anche in Brasile.

IL ROMANZO

Il profumo della speranza, libro adozioni, Paolo La FrancescaNarra la storia vera, commovente, di Paolo, un ragazzo nato in Brasile e adottato appena nato da una famiglia siciliana di Trapani. Ad un certo momento della sua vita Paolo avverte la necessità di andare a riscoprire le sue origini e attraverso una radio brasiliana dopo mesi di ricerche riesce a trovare la madre naturale.

Il romanzo affronta il delicato tema dell’adozione nella sua accezione più intima, mette in evidenza il rapporto fondamentale, seppur a volte conflittuale, con la famiglia adottiva e la necessità naturale di andare a riscoprire le proprie radici.

L’ASSOCIAZIONE

Dopo questa esperienza Paolo La Francesca ha deciso di costituire un’associazione “HANDS for adoptions” che si occupa di adozioni e ricerca delle origini, in particolare sostegno e supporto delle famiglie adottive sopratutto nella fase post adozione attraverso delle figure specializzate nel campo della psicologia, mediazione familiare, assistenza sociale.

Paolo La Francesca in Brasile con la madre biologicaPaolo decide di trarre dalla sua esperienza un insegnamento di vita e decide di fondare l’associazione insieme ad altri 4 ragazzi, tutti adottati, per aiutare i migliaia di ragazzi adottati meno fortunati che vogliono ricercare le loro radici ma non hanno la forza o il coraggio di esternare tale desiderio. E per supportare l’adozione, promuovendo sportelli di ascolto e supporto.

L’associazione è stata presentata a gennaio al Senato, ed è operativa su tutto il territorio nazionale.

“Il Profumo della Speranza - Un viaggio nell'adozione alla ricerca delle proprie radici”

Il libro è stato presentato all’Università di Trapani di giurisprudenza in occasione del convegno sulle adozioni , librerie Mondadori di Pinerolo, Rivoli, a Roma presso il Senato della Repubblica, in Toscana, presso alcuni istituti d’istruzione secondaria in Piemonte, in alcune trasmissioni televisive come TV 2000. Dopo il successo, è stato tradotto in portoghese ed è stato presentato in in Brasile a San Paolo con la presenza dell’ambasciatore e di altre personalità.

 

LEGGI ANCHE:

Libri: “Il profumo della speranza”: viaggio nell’adozione alla ricerca delle proprie radici

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.