Aereolinee siciliane non vola. Falcone: "Cerchiamo imprenditori capaci di stare sul mercato" :ilSicilia.it

il fatto

Aereolinee siciliane non vola. Falcone: “Cerchiamo imprenditori capaci di stare sul mercato”

di
11 Giugno 2020

Il problema in merito allo scalo di Trapani potrebbe risolversi grazie all’intervento di una piccola compagnia spagnola ma con il cuore siciliano, ma il governo Musumeci non ha accantonato l’idea di una compagnia aerea della Trinakria.

Stiamo cercando nuovi vettori con imprenditori siciliani che possono immaginare di stare sul mercato. Non è una cosa facilissima perché se lei considera oltre al discorso della difficoltà di stare nel mercato aereo vi è anche il distanziamento sociale e la capacità di riempimento degli stessi aerei non puo’ essere completa, questo comporta un maggiore esborso”. Afferma l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone.

Ma da mesi degli imprenditori siciliani che vogliono scommettere sui cieli già esiste. Non si farà il primo volo assoluto che doveva essere il 14 giugno di “Aerolinee siciliane”, la nuova compagnia aerea costituita nei giorni scorsi a Caltagirone. Si trattava di un volo Comiso-Milano, la cui partenza era fissata per le ore 6,40 del mattino. Pare sia la trattativa con la Regione a causa dell’emergenza Covid.

L’annuncio del primo volo lo aveva dato mesi fa la stessa compagnia aerea, per bocca del suo portavoce Claudio Melchiorre. La nascita di una nuova compagnia aerea di bandiera siciliana aveva suscitando particolare attesa nell’Isola, nonostante in passato esperienze simili siano state purtroppo fallimentari.

E’ il caso di Air Sicilia, la prima compagnia aerea siciliana, fondata del 1994 da Luigi Crispino e poi fallita prima ancora della WindJet e del relativo crack. Proprio Crispino è uno degli animatori delle Aerolinee siciliane, il cui modello è quello dell’azionariato popolare: sul sito internet www.aerolineesiciliane.it infatti è possibile acquistare azioni della compagnia, compilando l’apposito modulo.

Una compagnia costruita dai passeggeri – si legge sul sito – che serve gli abitanti e gli ospiti delle isole siciliane. Ferma la brutalità delle pratiche del trasporto aereo con i conti in attivo. Vola da e per la Sicilia e crea solidarietà, per sostenere chi ha voglia di vivere meglio”.

Fra i soci fondatori di “Aerolinee siciliane SpA” ci sono Elio Guastella, Stefano Spampinato, Claudio Melchiorre, Guendalina Lo Monaco, Aldo Di Benedetto. Nel Consiglio di gestione sono stati invece eletti Luigi Crispino, Piero Berti, Giacomo Guasone.

Ma chi, per il raggiungimento della somma, oltre alla privata partecipazione, pensava anche ad un partenariato con la Regione, fu presto deluso. Fu subito scontro, infatti, tra neonata compagnia aerea e Regione siciliana

Non si capì bene chi tra le due avesse detto no alla condivisione della iniziativa. I vertici di Aerolinee siciliane dissero che rinunciavano alla trattativa con il governo regionale, lamentando dichiarazioni discordanti e contraddittorie rilasciate da palazzo d’Orleans.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin