Aerolinee siciliane, Musumeci: "Abbiamo almeno il diritto di provarci" :ilSicilia.it

La dichiarazione del Presidente della regione

Aerolinee siciliane, Musumeci: “Abbiamo almeno il diritto di provarci”

di
13 Febbraio 2020

Il triste epilogo di AirItaly pone l’accento sulla fragilità delle compagnie aeree e sulle inevitabili conseguenze che determina in termini di disagi nella mobilità e di incertezze tra i lavoratori dipendenti. Ho chiesto al ministro dei trasporti di creare una occasione di confronto sul trasporto aereo in Italia e, in particolare, sul basso livello di accessibilità alla nostra Isola”. Ha commentato così il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci la messa in liquidazione della compagnia aerea AirItaly.

Apprendo dalla stampa, su questo fronte – prosegue il governatore – notizie di alcune iniziative da parte di privati finalizzate alla creazione di nuove compagnie aeree, anche in Sicilia. Guardiamo a tali tentativi con rispetto e attenzione. Dal canto suo, il governo regionale ha avviato, da tempo, altri contatti, senza tuttavia nasconderci le difficoltà del mercato. Ma abbiamo almeno il diritto di provarci”.

 

LEGGI ANCHE

Aerolinee Siciliane, Messina: “Speriamo non falliscano come avvenuto in passato per due compagnie”

Aerolinee Siciliane scatola vuota? “Siamo il futuro, con biglietti low cost”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.