Aeroporti: i destini incrociati di Trapani e Comiso, nel limbo dei tempi della politica :ilSicilia.it
Ragusa

La situazione rischia di precipitare

Aeroporti: i destini incrociati di Trapani e Comiso, nel limbo dei tempi della politica

12 Luglio 2018

Le strategie a medio e lungo termine per una gestione più efficiente degli scali siciliani sono state delineate, così come le misure a breve termine per scongiurare il default delle società che gestiscono il Vincenzo Florio di Trapani Birgi e il Pio La Torre di Comiso, rispettivamente la Airgest e la Soaco che da tempo si trovano in mezzo a pericolose turbolenze economico-finanziarie.

Adesso è solo una questione di tempi, che purtroppo sono quelli lunghi e perigliosi della politica. Da questi, al momento, dipendono i destini di queste due importanti infrastrutture per lo sviluppo dei loro rispettivi territori, che vantano una preziosa vocazione turistica e commerciale.

Ha ormai preso quota, infatti, l’idea maturata nelle ultime settimane di ricondurre la gestione di tutti gli aeroporti siciliani nelle mani di due società, una per gli aeroporti della Sicilia occidentale e l’altra per quelli della Sicilia orientale. Della prima farebbero parte Palermo, Trapani e Pantelleria. In questo caso sarebbe la Gesap, che gestisce il Falcone e Borsellino di Palermo, ad inglobare le altre. Allo stesso modo la Sac, che gestisce l’aeroporto Fontanarossa di Catania, assorbire le altre due realtà. L’obiettivo è quello di fare sistema, promuovere una governance condivisa per ridurre le inefficiente e valorizzare al massimo le potenzialità di ogni scalo.

airgestE’ questa l’idea del governo regionale, condivisa da tutti i soggetti coinvolti, che però si staglia su un orizzonte abbastanza lontano. Nel frattempo bisogna fare i conti con i bilanci traballanti di Airgest e Soaco e con le continue perdite di esercizio registrate, che rischiano far precipitare la situazione. Per tamponare la cosa le proposte già in cantiere sono lo sblocco del bando sul co-marketing, in passato bloccato dalle sentenze della magistratura, per lo scalo trapanese e l’affitto della gestione dell’aeroporto di Comiso. Proposta quest’ultima già sottoposta ad una manifestazione di interesse alla quale hanno partecipato ben tre soggetti pronti ad investire.

Si tratta di soluzioni apparentemente a portata di mano, se non fosse che il primo è ancora al vaglio dell’Assemblea regionale siciliana, mentre l’eventuale messa a gara della locazione dello scalo ragusano dovrebbe ricevere il beneplacito dei soci della Soaco, Comune di Comiso e Intersac, ovvero enti partecipati da soggetti istituzionali e politici. Percorsi tutt’altro che semplici e scontati.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona