Aeroporti: i destini incrociati di Trapani e Comiso, nel limbo dei tempi della politica :ilSicilia.it
Ragusa

La situazione rischia di precipitare

Aeroporti: i destini incrociati di Trapani e Comiso, nel limbo dei tempi della politica

12 Luglio 2018

Le strategie a medio e lungo termine per una gestione più efficiente degli scali siciliani sono state delineate, così come le misure a breve termine per scongiurare il default delle società che gestiscono il Vincenzo Florio di Trapani Birgi e il Pio La Torre di Comiso, rispettivamente la Airgest e la Soaco che da tempo si trovano in mezzo a pericolose turbolenze economico-finanziarie.

Adesso è solo una questione di tempi, che purtroppo sono quelli lunghi e perigliosi della politica. Da questi, al momento, dipendono i destini di queste due importanti infrastrutture per lo sviluppo dei loro rispettivi territori, che vantano una preziosa vocazione turistica e commerciale.

Ha ormai preso quota, infatti, l’idea maturata nelle ultime settimane di ricondurre la gestione di tutti gli aeroporti siciliani nelle mani di due società, una per gli aeroporti della Sicilia occidentale e l’altra per quelli della Sicilia orientale. Della prima farebbero parte Palermo, Trapani e Pantelleria. In questo caso sarebbe la Gesap, che gestisce il Falcone e Borsellino di Palermo, ad inglobare le altre. Allo stesso modo la Sac, che gestisce l’aeroporto Fontanarossa di Catania, assorbire le altre due realtà. L’obiettivo è quello di fare sistema, promuovere una governance condivisa per ridurre le inefficiente e valorizzare al massimo le potenzialità di ogni scalo.

airgestE’ questa l’idea del governo regionale, condivisa da tutti i soggetti coinvolti, che però si staglia su un orizzonte abbastanza lontano. Nel frattempo bisogna fare i conti con i bilanci traballanti di Airgest e Soaco e con le continue perdite di esercizio registrate, che rischiano far precipitare la situazione. Per tamponare la cosa le proposte già in cantiere sono lo sblocco del bando sul co-marketing, in passato bloccato dalle sentenze della magistratura, per lo scalo trapanese e l’affitto della gestione dell’aeroporto di Comiso. Proposta quest’ultima già sottoposta ad una manifestazione di interesse alla quale hanno partecipato ben tre soggetti pronti ad investire.

Si tratta di soluzioni apparentemente a portata di mano, se non fosse che il primo è ancora al vaglio dell’Assemblea regionale siciliana, mentre l’eventuale messa a gara della locazione dello scalo ragusano dovrebbe ricevere il beneplacito dei soci della Soaco, Comune di Comiso e Intersac, ovvero enti partecipati da soggetti istituzionali e politici. Percorsi tutt’altro che semplici e scontati.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.