Aeroporto Birgi, Ferrandelli (+Europa): "Volano del territorio abbandonato dalla politica, da Palermo tentiamo soccorso con Gesap” :ilSicilia.it
Palermo

Componente della commissione Bilancio

Aeroporto Birgi, Ferrandelli (+Europa): “Volano del territorio abbandonato dalla politica, da Palermo tentiamo soccorso con Gesap”

12 Luglio 2019

Oggi in commissione Bilancio a Palermo, abbiamo voluto dare un segno forte ed inequivocabile sulla vicenda che riguarda lo scalo trapanese, quello di esserci sempre, non solo durante le campagne elettorali“, a dirlo Fabrizio Ferrandelli, componente della direzione nazionale di Più Europa.

Proprio nei mesi in cui il territorio dovrebbe beneficiare del volano economico e delle opportunità portate dall’aereoporto, si assiste al totale degrado ed abbandono da parte della politica siciliana e nazionale, pronta sempre a lisciare il pelo soltanto durante le elezioni. Oggi ho utilizzato l’unica leva in mio possesso – continua l’esponente di Più Europa – quello di convocare i vertici della Gesap (società partecipata del Comune di Palermo che gestisce lo scalo del capoluogo) per prospettare il vantaggio gestionale e di crescita economica che potrebbe portare la gestione integrata tra i due aeroporti”.

Due aeroporti a pochi km di distanza potrebbero, infatti, potenziare il traffico aereo e differenziare le tratte così da aumentare il volume di presenze dei passeggeri in transito per la Sicilia. Una gestione che porterebbe sicuramente utili a Gesap e che consentirebbe al territorio trapanese di far ripartire una infrastruttura tanto vitale quanto essenziale a far rifiatare l’indotto economico che le si era creato intorno e che ormai boccheggia“.

Chiederemo inoltre – conclude Ferrandelli- di allargare urgentemente il confronto alla Regione prospettando una ipotesi percorribile e chiedendo a tutti, per parte, di assumersi le proprie responsabilità”.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.