Aeroporto Birgi, Ferrandelli (+Europa): "Volano del territorio abbandonato dalla politica, da Palermo tentiamo soccorso con Gesap” :ilSicilia.it
Palermo

Componente della commissione Bilancio

Aeroporto Birgi, Ferrandelli (+Europa): “Volano del territorio abbandonato dalla politica, da Palermo tentiamo soccorso con Gesap”

di
12 Luglio 2019

Oggi in commissione Bilancio a Palermo, abbiamo voluto dare un segno forte ed inequivocabile sulla vicenda che riguarda lo scalo trapanese, quello di esserci sempre, non solo durante le campagne elettorali“, a dirlo Fabrizio Ferrandelli, componente della direzione nazionale di Più Europa.

Proprio nei mesi in cui il territorio dovrebbe beneficiare del volano economico e delle opportunità portate dall’aereoporto, si assiste al totale degrado ed abbandono da parte della politica siciliana e nazionale, pronta sempre a lisciare il pelo soltanto durante le elezioni. Oggi ho utilizzato l’unica leva in mio possesso – continua l’esponente di Più Europa – quello di convocare i vertici della Gesap (società partecipata del Comune di Palermo che gestisce lo scalo del capoluogo) per prospettare il vantaggio gestionale e di crescita economica che potrebbe portare la gestione integrata tra i due aeroporti”.

Due aeroporti a pochi km di distanza potrebbero, infatti, potenziare il traffico aereo e differenziare le tratte così da aumentare il volume di presenze dei passeggeri in transito per la Sicilia. Una gestione che porterebbe sicuramente utili a Gesap e che consentirebbe al territorio trapanese di far ripartire una infrastruttura tanto vitale quanto essenziale a far rifiatare l’indotto economico che le si era creato intorno e che ormai boccheggia“.

Chiederemo inoltre – conclude Ferrandelli- di allargare urgentemente il confronto alla Regione prospettando una ipotesi percorribile e chiedendo a tutti, per parte, di assumersi le proprie responsabilità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.