Fondi aeroporto Birgi, Confindustria: "I Comuni facciano la loro parte" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Trapani

La Finanziaria ha previsto anche fondi pari a 3,5 milioni di euro per il trasporto marittimo

Fondi aeroporto Birgi, Confindustria: “I Comuni facciano la loro parte”

di
20 Dicembre 2016

Anche Confindustria, attraverso le parole del presidente provinciale Gregory Bongiorno, si esprime nel merito della delibera del governo regionale alla Finanziaria nella quale sono state previste somme per la ricapitalizzazione dell’Airgest e per il comarketing con Ryanair fino al 2019. “Per definire il nuovo contratto con Ryanair servivano le risorse di Regione e Comuni – afferma -. Molti subordinavano la loro partecipazione a quella della Regione. È vero che dobbiamo attendere il parare dell’Ars, ma su un tema importante come l’aeroporto e che riguarda anche Comiso, ritengo che non dovrebbero verificarsi problemi. Adesso quindi dobbiamo chiamare i Comuni ad un atto di responsabilità per poter firmare il nuovo accordo di comarketing, in modo da salvare l’aeroporto”. Non sono le risorse a mancare, quindi; Confindustria aspetta le mosse dei Comuni.

L’approvazione dei fondi in favore dello scalo trapanese è stato annunciato da Baldo Gucciardi, assessore regionale e deputato del Pd. Ma Mimmo Turano, capogruppo all’Ars dei Centristi per la Sicilia, non accetta l’eccessiva personalizzazione. “Fanno bene gli amici del Pd trapanese a sottolineare le promesse mantenute dalla Regione sull’aeroporto di Birgi e l’importante sintonia tra governo nazionale e regionale sugli scali ma anche su temi delicati come i precari e le isole minori –afferma – ma avrebbero fatto altrettanto bene a sottolineare l’indispensabile sinergia che si è creata su questi temi, in particolare tra i parlamentari regionali della provincia, che da tempo portano avanti queste battaglie, e il contributo fondamentale dell’assessore alle infrastrutture Giovanni Pistorio”.

Si esprime nel merito anche il deputato regionale Mimmo Fazio: “L’assessore Baccei ha mantenuto l’impegno preso, la notizia della ricapitalizzazione di Airgest e la predisposizione nella finanziaria regionale delle somme per tenere in piedi l’accordo di co-marketing con Ryanair anche per il 2018 ed il 2019 è una conferma dell’attenzione rivolta al territorio trapanese e alla soluzione di un problema che se non fosse stato fronteggiato avrebbe determinato conseguenze disastrose“.

Fazio sottolinea anche l’importanza dei fondi pari a 3,5 milioni di euro, che la Finanziaria ha previsto per il trasporto marittimo; a tal proposito il sindaco delle Egadi Peppe Pagoto fa un plauso al Governatore:” Il Governo Regionale ha dimostrato grande attenzione per questo territorio in un settore delicato come quello dei trasporti. Con questi provvedimenti si manterranno i servizi marittimi con i mezzi veloci per le Isole di Sicilia così come verificatosi nel 2016 con conseguente aumento di corse da e per le Egadi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.