Aeroporto di Catania: controlli e autocertificazioni, i consigli della Polizia :ilSicilia.it
Catania

"arrivare un minimo di 2 ore prima"

Aeroporto di Catania: controlli e autocertificazioni, i consigli della Polizia

di
26 Gennaio 2021

La polizia di Frontiera, onde evitare eccessivi rallentamenti per il controllo della documentazione di chi è in partenza da Catania, ricorda che occorre presentarsi in aerostazione muniti dell’autocertificazione compilata in doppia copia e consiglia di arrivare un minimo di 2 ore prima dell’orario del volo di partenza.

La concentrazione di più voli in determinate fasce orarie (soprattutto quelle mattutine del lunedì e quelle pomeridiane e serali del venerdì e della domenica) e la doverosa osservanza delle norme nazionali e regionali che prescrivono la rigida osservanza di misure di contenimento dell’epidemia in corso, impongono una consequenziale dilatazione delle procedure di preparazione all’imbarco, che includono i tempi di attesa per acquisizione delle autocertificazioni, per l’eventuale consegna di bagagli da stivare, per la verifica della validità della carta d’imbarco e per l’effettuazione dei controlli di sicurezza.

Pertanto, al fine di consentire un ordinato flusso, rispettando al tempo stesso le distanze di sicurezza, si ribadisce la necessità di arrivare in aeroporto con largo anticipo rispetto all’orario di partenza del volo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin